Vodafone

Vodafone è sempre a caccia di nuove soluzioni tecnologiche in grado di metterla un passo avanti rispetto i competitor. Giunge a proposito una notizia dal Regno Unito in cui si racconta che Vodafone stia montando a Newbury (presso la sua sede) dei tombini con antenna 4G integrata.

Anziché montarle sui palazzi, in questo modo la copertura di rete mobile sarebbe incrementata con una soluzione poco invasiva adatta soprattutto alle aree urbane più affollate. Se tale test portasse con sé un successo, allora questa soluzione tecnologica potrebbe tornare utile anche in ottica 5G.

 

Vodafone e la copertura di rete: dai tombini alle cabine telefoniche

Vodafone per ora sta sperimentando due tipi di approcci: parliamo di un vero e proprio tombino con antenna integrata, mentre un secondo sistema prevede di agganciare a uno esistente un’apparecchiatura specifica. Il consumo energetico è ridotto al minimo mentre il raggio di copertura massimo teorico è di 200 metri.

Leggi anche:  Tim, Vodafone, Wind e Tre: pronti a non rimanere mai più senza segnale?

Come spiega una nota di Vodafone UK, “Newbury è solo un punto di partenza, poiché i tombini potrebbero essere impiegati da tutti i fornitori di servizi pubblici in futuro. Stiamo già installando piccole antenne 4G sui tetti delle tradizionali cabine telefoniche, a partire da Princes Street, Edimburgo”.

L’uso di cabine telefoniche per alloggiare le antenne è un altro ottimo modo per aumentare la velocità e la capacità di un segnale 4G a livello stradale. “È anche utile per estendere 4G in aree di straordinaria bellezza e luoghi remoti dove è difficile installare un traliccio mobile poiché richiede un collegamento di alimentazione e di cavi in ​​fibra ottica”.