Instagram

Il cofondatore di Instagram, Kevin Systrom, ha rivelato alcuni dettagli sulla sua decisione di lasciare la compagnia. Parlando alla conferenza Wired 25, l’ex CEO ha dichiarato di aver lasciato l’azienda principalmente perché sentiva la necessità di passare a nuovi progetti.

Sebbene le indiscrezioni hanno parlato della possibilità che il signor Systrom potrebbe essere stato effettivamente cacciato per dei disaccordi sulla direzione che dovrebbe prendere Instagram, l’ex dirigente non ha esitato a commentare spiegando che Instagram è un luogo davvero buono nel quale lavorare.

 

Instagram, il co-fondatore ha lasciato l’azienda tra nuovi progetti e le tensioni con Facebook

Originariamente, fonti vicine alla società affermavano che la ragione per cui Systrom e il collega co-fondatore Mike Kriege si sono allontani da Instagram era il risultato di forti tensioni tra i dirigenti e l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg che ha acquistato Instagram nel 2012 per 1 miliardo di dollari.

Il gigante del social network ha voluto da subito un’integrazione molto più aggressiva e profonda tra le due piattaforme. Una mossa che avrebbe comportato un’importante perdita di potere per entrambi i co-fondatori a discapito dei dirigenti di Facebook che assumevano maggiore controllo sulla direzione dell’azienda.

Leggi anche:  Instagram: trucco per spiare un profilo privato senza seguirlo

Tuttavia, il signor Systrom nega tutto e afferma che questi episodi hanno giocato un ruolo molto piccolo nella sua decisione. L’ex amministratore delegato riconosce che ci sono stati conflitti, dicendo che “nessuno lascia mai un lavoro perché tutto è fantastico” ma continua a chiarire che sta guardando avanti per lavorare su “qualcosa di nuovo”.

In particolare ha detto di essere entusiasta dell’opportunità di avere più tempo da dedicare ai progetti in cui ha già investito in precedenza. Nel frattempo Facebook è stato costretto a sostituire i dirigenti con un preavviso praticamente nullo con dirigenti nuovi e in alcuni casi inesperti per questi ruoli, a tal punto da rallentare Facebook nei suoi piani.