BancoPosta
Le truffe online sono ormai sempre più frequenti per gli utenti e in particolar modo per i clienti di Poste Italiane, giornalmente minacciati da tentativi di phishing. L’ultimo tentativo di frode arriva tramite email e richiede l’inserimento delle proprie credenziali per risolvere una presunta sospensione del conto. Gli utenti interessanti, questa volta, sono i titolari dei conti BancoPosta.

BancoPosta: nuovo tentativo di frode richiede dati e svuota il conto ai clienti!

BancoPosta“Attenzione! Accesso Sospeso!” è così che si presenta l’ultima email phishing che sta minacciando la sicurezza dei clienti BancoPosta. La comunicazione si presenta come un importante avviso da seguire nell’immediato ed è caratterizzata dal classico tono intimidatorio qui fornito dalla postilla in basso che minaccia la cancellazione dell’account. Una strategia utilizzata da tutti i criminali diffusori di email phishing che utilizzano proprio l’inganno psicologico per ottenere i dati, e successivamente il denaro, delle vittime.

Cliccando sulla voce “Rimuovi Sospensione” l’utente è spedito ad una pagina clone di Poste Italiane che richiede di inserire nome utente e password. La grafica della pagina può facilmente insospettire l’utente che si affretterà a fornire le sue credenziali ma si tratta dell’ennesimo sito clone.

Leggi anche:  PostePay: truffe e frodi sui conti correnti tramite email, Whatsapp ed SMS

Poste Italiane è stata presa di mira già da tempo e i cyber-criminali hanno utilizzato tecniche sempre nuove per ingannare i suoi clienti. E’ importante ribadire che l’azienda è all’oscuro di tutto e si impegna al fine di tutelare i suoi clienti. Per evitare tentativi di frode come quello appena segnalato, quindi, è necessario prestare attenzione. 

Gli utenti dovranno stare bene attenti e, soprattutto, non dovranno inserire per alcun motivo i loro dati online. Poste Italiane ha più volte informato i suoi clienti di non essere solita richiedere dati attraverso email o SMS. Qualsiasi comunicazione contenente un invito a fornire credenziali utilizzando link già inseriti non va tenuta in considerazione.