email phishing
Le truffe online sono all’ordine del giorno ormai da tempo e gli utenti colpiti sono sempre i titolari di carte di credito o prepagate molto diffuse. Poste Italiane e Unicredit sono, ad esempio, le due aziende colpite da cyber-criminali che minacciano la sicurezza dei loro clienti tentando di rubare dati e denaro. L’Associazione CODICI si esprime al riguardo offrendo dei consigli utili a riconoscere email phishing.

PostePay: i titolari delle carte ricevono frequentemente email phishing. Ecco i consigli provenienti da CODICI!

Iniziamo con il chiarire cosa si intende con il termine “phishing”.

Il phishing è quel tentativo di frode online che utilizza mail o SMS fittizi al fine di intimorire o incuriosire la vittima invitandola a fornire dati o password utili ad ottenere denaro. La truffa avviene in modo semplice e si nasconde dietro il nome di aziende note, come Poste Italiane. I titolari di carte PostePay sono gli utenti più colpiti. Le email phishing riguardano solitamente un problema riscontrato, del tutto falso, relativo alla carta. In altri casi, invece, i criminali tentano di incuriosire la vittima con premi falsi o bonifici sospetti.

Leggi anche:  Truffe Postepay: utenti in allarme per le nuove truffe che tentano di svuotare la carta

L’Associazione CODICI “Centro per i Diritti del Cittadino” affronta il tema phishing e offre ai vari utenti dei consigli utili al fine di riconoscere le frodi. Tra i vari accorgimenti, l’Associazione, così come la Polizia Postale ha più volte ribadito, elenca la presenza di errori grammaticali all’interno del testo. L’attenzione all’indirizzo dal quale proviene il messaggio è fondamentale tanto quanto l’ignorare il link presente nel testo.