WhatsApp: chiusi moltissimi account, cosa sta succedendo?

Non è la solita truffa o presa in giro, utilizzare WhatsApp vi potrebbe portare a dover pagare una multa. Questo è chiaro ed acclarato, ma per quale motivo?.

Gli smartphone sono diventati i nostri più fedeli compagni delle varie giornate, trascorse sia in casa che all’aria aperta. Passeggiando per le principali città italiane ci accorgiamo di persone che non alzano gli occhi dallo schermo, nemmeno quando camminano. La situazione è preoccupante e, dobbiamo ammetterlo, sta lentamente sfuggendo di mano.

WhatsApp: in tantissimi hanno pagato una multa, ecco perchè

Le segnalazioni, gli avvisi e avvertimenti sono davvero moltissimi: non utilizzate WhatsApp alla guida. Nonostante ciò, continuamente leggiamo di utenti multati per aver inviato messaggi mentre erano alla guida di un automobile o, addirittura, di uno scooter.

Le multe sono salatissime, i controlli da parte delle autorità competenti sono serrati, ma sopratutto rischiate la vita ogni giorno. Da una recente indagine statistica è stato scoperto che oltre il 60% dell’intera popolazione invia almeno un SMS alla guida. Non parliamo poi di chiamate, selfie o giochi.

Leggi anche:  WhatsApp: la nuova truffa si abbatte sul credito degli utenti TIM, Vodafone e Wind TRE

La Polizia Stradale, i Vigili Urbani ed i Carabinieri stanno stringendo il cerchio attorno ad una pratica sempre più esecrabile. La multa è, in relazione alla gravità, compresa tra 161 e 647 euro. Fate attenzione, venite sanzionati anche se siete fermi al semaforo o allo stop. In questo caso non avete accostato (come bisognerebbe fare), ma l’auto è ancora in marcia (teoricamente).

Al primo richiamo pagate la multa, se invece venite scoperti una seconda volta (entro due anni), scatta la sospensione della patente.

Fate attenzione, evitate di utilizzare il telefono alla guida. SEMPRE.