Fast Check Google News
Google News introduce il Fast-check tag per smascherare le bufale online!

Il web è il più grande ricettacolo di informazioni esistente oggi, ma non tutte le informazioni che possiamo trovarvi sono uguali, non dobbiamo certo dirvi noi che è importante verificare sempre la fonte di un’informazione trovata su Facebook o su Google News senza farsi prendere dalla smania di credere alla notizia bomba o magari addirittura condividerla. Ci sono tonnellate di notizie bufala, articoli di disinformazione (voluta o non voluta), titoli sensazionalistici che inducono al click facile tramite il cosiddetto click baiting per cui molti siti sono tristemente famosi, e alcune semplicemente sbagliate o incomplete.

Molti di noi, spesso, non sono in grado di riconoscere una bufala da una notizia vera, tanto che anche quest’anno il povero Lino Banfi è morto almeno tre o quattro volte e Facebook diventerà DAVVERO a pagamento!1!!1!1.

Ma non dobbiamo più preoccuparci perché mamma Google sta arrivando in nostro soccorso, da oggi infatti in Google News sarà presente una comoda etichetta vicino alla notizia comparsa nei risultati di ricerca, detta Fast-Check, che ci segnalerà comodamente dall’anteprima se possiamo fidarci o meno della news cui fa riferimento quel preciso link.

nexus2cee_factcheck-tag-search-results-2-668x556 nexus2cee_factcheck-tag-search-results-2

I cosiddetti siti Fast-Check e l’International Fast-Checking Network puntano a risolvere questo problema raccogliendo rigorosamente tutti i dati e producendo articoli che sono completi e accurati dal punto di vista giornalistico (o comunque accurati e completi per quanto possibile in base ai dettagli a portata di mano). Adesso questi siti, come detti, hanno un’etichetta visibile e riconoscibile dall’utente sia da desktop che da mobile, sia in Google News che sulle app Google, Notizie e Meteo per Android e iOS.

Quindi sappiate che da oggi i contenuti che avranno vicino il Fast-Check tag vi aiuteranno a discernere le bufale dalle notizie vere.

Purtroppo la feature al momento è disponibile solo in USA e Regno Unito ma pian piano sarà estesa a tutti i paesi coperti dal colosso di Mountain View, da noi, sarebbe davvero, davvero, utile.