Utilizzi i Post-It a lavoro

Molte persone usano i post-it, ma nessuno sa come dovrebbero essere utilizzati davvero. Probabilmente ne hai usato uno oggi o almeno di recente, e se lo hai fatto, avrai sicuramente sbagliato la tecnica.

Dovresti estrarre il post-it dalla pila non con la parte adesiva in alto, ma di lato. C’è un motivo per cui i post-it non sembrano mai attaccarsi a nulla e si ripiegano su se stessi, e il motivo è che lo stai staccando in modo errato.

Confuso? Non preoccuparti, ecco alcune istruzioni che possiamo darti per staccare correttamente un post-it ed utilizzarlo al meglio.

Non staccare il post-it con la linea adesiva che si trova in cima, stacca il post-it con la linea adesiva sul lato destro o sinistro.

Puoi capire totalmente la differenza tra il modo in cui strappi il post-it superiore quando li incolli su una superficie.

Noterai come si arriccia e si stacca dal muro se li stacchi senza usare questa procedura, mentre al contrario rimane piatto e liscio.

Quando sono stati creati

Il Post-it Note (a volte chiamato anche nota adesiva) è un piccolo pezzo di carta con una striscia di colla ri-adesiva sul retro, realizzato per attaccare temporaneamente note a documenti e altre superfici.

All’inizio degli anni ’70, Art Fry era alla ricerca di un segnalibro per l’inno della chiesa che non cadesse né danneggiasse il libro. Fry ha notato che un collega della 3M, il dottor Spencer Silver, aveva sviluppato un adesivo nel 1968 che era abbastanza forte da aderire alle superfici, ma non lasciava residui dopo la rimozione e poteva essere riposizionato. Fry prese un po’ dell’adesivo di Silver e lo applicò lungo il bordo di un pezzo di carta. Il suo problema con gli inni della chiesa si risolse magicamente.

Fry si rese presto conto che il suo “segnalibro” aveva altre potenziali funzioni. Per questo 3M Corporation creò il nome Post-it Note iniziando la produzione alla fine degli anni ’70 per uso commerciale.

FONTEthoughtco
Articolo precedenteChe cos’è la Taurina e perchè viene inserita all’interno delle bevande energetiche
Articolo successivoVery Mobile: attenzione all’SMS truffa che circola in questi giorni
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it