I gruppi sanguigni più rari

I gruppi sanguigni sono una classificazione del sangue basata sugli antigeni presenti sui globuli rossi. Gli antigeni sono molecole che possono innescare una risposta del sistema immunitario. Ci sono otto gruppi sanguigni comuni ma 36 gruppi sanguigni in totale.

Una trasfusione di sangue è una procedura che ripristina il sangue nel corpo. È essenziale che le persone sottoposte alla procedura ricevano il gruppo sanguigno corretto, altrimenti si attiverà il sistema immunitario, causando malattie e complicazioni.

Secondo la Croce Rossa, circa ogni 2 secondi una persona richiede una trasfusione di sangue. Notano inoltre che questa procedura salva 4,5 milioni di vite ogni anno.

In questo articolo, parleremo dei gruppi sanguigni più rari e più comuni divisi per etnia. Le persone possono definire i gruppi sanguigni utilizzando i sistemi di gruppi sanguigni ABO e Rhesus (Rh). Questi definiscono i gruppi sanguigni in base ai quali gli antigeni sono presenti sui globuli rossi.

Sistema ABO

Questo sistema classifica i gruppi sanguigni come segue:

  • Il gruppo sanguigno A ha antigeni A sui globuli rossi.
  • Il gruppo sanguigno B ha antigeni B.
  • Il gruppo sanguigno O non ha né antigeni A né B.
  • Il gruppo sanguigno AB ha sia antigeni A che B.

I globuli rossi possono avere un altro antigene chiamato antigene Rh sulla loro superficie. Se è presente, il gruppo sanguigno è Rh-positivo, ma se è assente, il gruppo sanguigno è Rh-negativo.

La combinazione di queste due caratteristiche produce gli otto gruppi sanguigni più comuni. La maggior parte delle persone ha uno di questi tipi:

  • O-positivo
  • O-negativo
  • A positivo
  • A-negativo
  • B-positivo
  • B-negativo
  • AB-positivo
  • AB-negativo

I geni che una persona eredita dai genitori determinano il mix di antigeni e proteine nel sangue. A causa di questo fattore genetico, quando le persone hanno bisogno di sangue, specialmente quelle con gruppi sanguigni rari, le migliori corrispondenze tendono a provenire da persone della stessa razza o origine etnica.

I gruppi sanguigni più rari

Le caratteristiche ereditarie, come i gruppi sanguigni, tendono a presentarsi nei gruppi etnici. Per aumentare la probabilità di gruppi sanguigni ben assortiti, gli esperti raccomandano di abbinare donatori e riceventi in base a linee etniche, in particolare per i gruppi sanguigni rari. Per questo motivo, alcuni centri trasfusionali raccolgono informazioni etniche dai donatori di sangue.

Per alcune condizioni, come la talassemia e l’anemia falciforme, questa corrispondenza è ancora più importante perché queste condizioni sono più comuni in alcune comunità etniche e le persone potrebbero aver bisogno di frequenti trasfusioni.

Ad esempio, solo il 2% dei donatori ha un raro sottotipo di sangue che i medici usano spesso per curare l’anemia falciforme, ma la domanda aumenta del 10-15% ogni anno. La rarità e la domanda di questo tipo di sangue sottolineano l’importanza dei donatori di sangue.

Gruppo sanguigno più comune per etnia

Secondo la Croce Rossa americana, le seguenti statistiche mostrano i gruppi sanguigni più comuni:

  • Afroamericano: 47% O-positivo, 24% A-positivo e 18% B-positivo
  • Latinoamericano: 53% O-positivo, 29% A-positivo e 9% B-positivo
  • Asiatici: 39% O-positivi, 27% A-positivi e 25% B-positivi
  • Caucasico: 37% O positivo, 33% A positivo e 9% B positivo

Gruppo sanguigno più raro per etnia

Il gruppo sanguigno meno comune è AB-, con meno dell’1% della popolazione che ha questo tipo.

 

FONTEwww.medicalnewstoday.com
Articolo precedenteEnel Energia: un avviso prima di Natale a cui dovete prestare attenzione
Articolo successivoTikTok ora fornisce una spiegazione che rende l’algoritmo meno misterioso
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it