Oggi vi parliamo di automobile di un marchio che in Italia è ancora molto sconosciuto: l’Aiways U5.  Un SUV 100% elettrico per famiglie prodotto in Cina da una casa automobilistica nata solo cinque anni fa. Questa autovettura si è dimostrata essere molto interessante, soprattutto per il suo prezzo basso rispetto alla concorrenza e agli optional di serie.

Considerate che questo SUV è assemblato in Cina, ma l‘Aiways U5 è stato sviluppato da alcuni dei migliori nomi della rete automobilistica europea, dall’ingresso di Bosch al suo telaio a CATL che mette insieme la batteria e Lear che fornisce parti e materiali. Dunque ci sono tutte le caratteristiche per poter diventare un successo. Scopriamola insieme.

Design, dimensioni e bagagliaio:

Sicuramente la nuova Aiways U5 si fa notare. Ha un design originale e moderno, con linee morbide che le danno un’aspetto di SUV Premium. Le dimensioni sono importanti, infatti è un veicolo imponente con i suoi: 4.680 mm di lunghezza x 1.865 mm di larghezza e 1.700 mm di altezza.

 

Generalmente è ben costruita e ricca di dettagli. Tuttavia se vi può piacere o meno esteticamente non ve lo possiamo dire noi, è un parametro troppo soggettivo. Intorno all’auto ci sono tante telecamere che aiutano a ricreare un modello 3D a bordo dell’infotainment.

Anche lo spazio del bagagliaio è generoso a 496 litri (1619 litri con i sedili abbassati), mentre i sedili posteriori sono relativamente semplici da ripiegare in piano, ampliando la gamma di usi dello spazio.

Interni ed infotainment:

La prima cosa che noterete salendo a bordo dell’Aiways U5 è quanto spazio c’è. Questo è in parte dovuto al fatto che in realtà è più spazioso della maggior parte dei rivali, di circa il 10%, ma anche a causa di alcune “mancanze”.

Ad esempio, non c’è il vano portaoggetti, davanti al sedile anteriore del passeggero e questo da una notevole quantità di spazio in più per le ginocchia. I manuali d’uso sono online e accessibili attraverso lo schermo dell’infotainment, a sua volta dimensionato in modo da non sovrastare la visuale. Invece se volete un posto dove mettere le cose, potete acquistare una custodia delle dimensioni di una borsa per laptop che si aggancia perfettamente in posizione nella rientranza. Tuttavia, sotto al tunnel centrale c’è un grosso vano portaoggetti limitato da una rete.

È nella parte posteriore che i vantaggi brillano davvero però. Lo spazio per le gambe è simile a una limousine, merito del pavimento che è completamente piatto, senza alcun tunnel centrale. La parte posteriore ha spazio per far sì che tre adulti ci stiano comodamente. Inoltre ci sono i due ganci isofix per il seggiolino dei bambini sui sedili esterni e un ampio spazio per trasportare tutto ciò che potrebbero decidere di portare.

La seconda cosa che noterete invece è l’eleganza e i tessuti di questo veicolo. I materiali all’interno vanno dalle pelli morbide alle plastiche dure. Sì, di questi ultimi ce ne sono più che in alcuni rivali, ma l’impressione generale è stata positiva e, dopo alcuni anni di vita familiare, potreste essere grati per la loro durata.

La magia della tecnologia dell’U5 ruota attorno allo schermo centrale dell’infotainment. L’auto può ricevere aggiornamenti via etere allo stesso modo di una Tesla, il che significa che tutto, dalle prestazioni alle modifiche delle informazioni, può essere inviato direttamente all’auto.

In particolare non c’è il navigatore satellitare. Aiways sostiene che gli smartphone moderni hanno capacità migliori, quindi sarebbe sbagliato addebitarvi un costo superiore per installarne uno. Come dargli torto. Offre invece un abbonamento a un’app, chiamata Pump, che offre aggiornamenti in tempo reale sul traffico e sui punti di ricarica e funzionalità di mirroring di facile utilizzo tra l’auto e lo smartphone.

Prestazioni, guidabilità, ricarica e consumi:

Il nostro test drive della Aiways U5 si è svolto in diverse zone fra il Lazio e l’Abruzzo, offrendoci l’opportunità di guidare su qualsiasi tipo di strada: urbane, extraurbane, autostrada, montagna e strade piene di buche.

Come in tutti i veicoli elettrici, l’accelerazione è istantanea e veloce. Anche i progressi sono silenziosi, con il rumore della strada e del vento smorzato e il ronzio del motore elettrico udibile solo se ti fermi ad ascoltarlo in silenzio. Anche i freni si sono sentiti ben modulati e il sistema rigenerativo – che converte la potenza frenante in energia per la batteria – è stato ragionevolmente regolato per aiutarvi a rallentare senza intoppi.

Per ottenere il massimo dalla gamma relativamente modesta della batteria da 63 kWh, la velocità massima è stata limitata. Questo non è un problema qui da noi, ma potrebbe essere un punto di contesa per i tedeschi amanti dell’autostrada.

Nonostante le sue dimensioni, l’U5 non è particolarmente pesante rispetto ad altri SUV elettrici e di conseguenza ha un’autonomia ufficiale di 400 km, che è alla pari con molti rivali. L’autonomia reale tuttavia è più bassa, con una guida normale, su perrcorso misto è difficile superare i 300 km. La ricarica tramite un caricabatterie rapido CC da 50 kW (può richiedere fino a 90 kW) lo porta da 0 all’80% in circa più di 40 minuti.

Se non parliamo di circostanze impegnative, dove la guida sportiva può mettere in crisi l’U5, questo SUV è impostato per il comfort, in modo tale da navigare su piccole imperfezioni stradali. Infatti per i piccoli viaggi questo veicolo è perfetto: comodo e spazioso. Bisogna fare attenzione solo a programmare bene le tapper per poterla ricaricare.

Allo stesso modo, lo sterzo è un po’ demoltiplicato e leggero, il feedback in curva non è dei migliori. Nella guida normale ci vuole un po’ per abituarsi, e non c’è dubbio che altri competitor offrano un’esperienza di guida molto più completa e che ispira fiducia.

Conclusioni e prezzo:

Nel peggiore dei casi, l’Aiways U5 è competente e capace, e nel migliore dei casi, lo spazio e la tecnologia sono impressionanti. La promessa è che è anche conveniente, la full optional come il modello da noi in prova, ha un prezzo di circa 45.000 €. Solitamente le sue rivali hanno questo prezzo per gli allestimenti base.

Il rating di sicurezza Euro NCAP a tre stelle merita un esame dettagliato (i punteggi di protezione degli occupanti vanno bene, ma meno quelli dei pedoni e dell’assistenza alla sicurezza).

Le rivali della Aiways U5 sono diverse: la Hyundai Kona Electric, la Kia Niro EV, la Skoda Enyaq iV e volendo esagerare un po’, l’Audi Q4 e-tron. Tuttavia a questo prezzo con cui è proposta merita di essere approfondita e presa in considerazione.

Aiways U5

42.000 € circa
8.2

Design e materiali

8.5/10

Bagagliaio

8.5/10

Infotainment

8.0/10

Autonomia

7.0/10

Prezzo

9.0/10

Pro

  • Ottimo rapporto qualità - prezzo
  • Sembra un'auto Premium
  • Molto spaziosa e comoda

Contro

  • Autonomia un po' bassa
  • Software non velocissimo
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.