Netflix Nothing Special

Il contesto è più importante del contenuto secondo il “Norm Macdonald: Nothing Special“, una commedia personale di riserva che l’ex conduttore di “Weekend Update“, sapendo di essere malato, ha scritto e recitato in una sola ripresa a casa da solo prima della sua morte a settembre.

La pubblicazione fornisce un tributo appropriato e profondamente personale, nonché un’introduzione all’arte dello stand-up. Netflix ha confezionato la performance di Macdonald, che dura poco più di 50 minuti, con una discussione di mezz’ora con sei dei suoi amici: Dave Chappelle, David Letterman, Adam Sandler, David Spade, Conan O’Brien e Molly Shannon, che trascorrono altri 30 minuti circa per ricordarlo mentre decostruiscono ciò che gli spettatori hanno appena visto.

Chappelle definisce l’ambientazione “molto accattivante“, mentre Letterman osserva che senza un pubblico che risponda al materiale, “Non stavamo guardando cabaret. Senza quel pubblico, non ottieni lo stesso risultato“.

Nonostante il momento particolare, è pur sempre un comico

Anche se Macdonald sapeva che il suo tempo sarebbe stato breve, non c’è niente di morboso o sdolcinato nella presentazione. Essenzialmente punta una telecamera sul suo viso e inizia il monologo. Lo show menziona argomenti come il testamento biologico e alcune altre questioni che toccano la mortalità, ma non è diverso nei toni rispetto agli altri spettacoli dal vivo.

Come le controversie che circondano i recenti speciali di Netflix (tra cui il già citato Chappelle e più recentemente Ricky Gervais), Macdonald si irrita contro le restrizioni su ciò che è attualmente considerato lecito per i comici e fa riferimento a come “Le parole siano cambiate“. Questo modo di vedere l’ironia è diventato una sorta di spaccatura generazionale ed è un dibattito ancora acceso, Macdonald apparentemente voleva far sapere al mondo come la pensava a riguardo.

VIAedition.cnn.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it