crisi chip

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea intendono annunciare lunedì uno sforzo congiunto volto a identificare i problemi legati alla crisi dei chip, quindi alla fornitura di semiconduttori e a contrastare la disinformazione russa, hanno affermato alcuni funzionari.

I massimi funzionari statunitensi stanno visitando l’hub scientifico francese di Saclay per un incontro con il Consiglio per il commercio e la tecnologia, dato che la Cina esercita sempre più il suo potere tecnologico.

Alcuni funzionari statunitensi hanno riconosciuto che l’invasione russa in Ucraina ha ampliato la portata del consiglio, ma hanno affermato che il blocco occidentale ha ancora gli occhi sulla concorrenza della Cina.

Le due parti annunceranno un “sistema di allerta precoce” per le interruzioni della fornitura di semiconduttori, sperando di evitare un’eccessiva concorrenza tra le potenze occidentali per i componenti elettronici.

L’industria ha sofferto della carenza di componenti per la produzione di chip, attribuita al boom della domanda globale di prodotti elettronici e alle catene di approvvigionamento intrappolate dalla pandemia.

Le parole dell’Europa

Speriamo di trovare un accordo su livelli elevati di sussidi, che non saranno più di quanto necessario, proporzionato e appropriato“, ha detto domenica ai giornalisti Margrethe Vestager, commissaria europea per la concorrenza.

L’obiettivo è il seguente: “poiché sia ​​Washington che Bruxelles cercano di incoraggiare gli investimenti nei semiconduttori nei nostri rispettivi paesi, lo facciamo in modo coordinato e non incoraggiamo semplicemente una corsa ai sussidi“, ha affermato separatamente un funzionario statunitense, parlando in condizione di anonimato.

Gli Stati Uniti hanno già messo in atto il proprio sistema di allerta nel 2021 che ha esaminato le catene di approvvigionamento nel sud-est asiatico, trovandolo  “molto utile per superare la crisi“, ha affermato il funzionario statunitense.

Il funzionario ha aggiunto che le due parti stanno guardando avanti per interrompere le forniture causate dai blocchi pandemici in Cina, l’unica grande economia ancora legata a una strategia zero-Covid.

L’Unione Europea e gli Stati Uniti annunceranno anche misure congiunte sulla lotta alla disinformazione e all’hacking, in particolare dalla Russia, inclusa una guida sulle migliori pratiche di sicurezza informatica per le piccole e medie imprese e una task force sui fornitori di tecnologia di fiducia, ha affermato il funzionario.

Non è una questione europea, ma una questione globale“, ha detto.

Il Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo e la Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti Katherine Tai sono in visita per i colloqui.

VIAnews.yahoo.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it