Razzo cineseIl razzo Perseverance ha dato “un’occhiata a qualcosa di mai visto prima” raschiando le rocce sulla superficie di Marte alla ricerca di vite aliene.

Il rover è sul Pianeta Rosso dal 25 ottobre. Sta esaminando la regione Sud Séítah del Cratere Jezero, come parte della ricerca della NASA di forme di vita extraterrestre. Il celebre razzo ha fatto una breve pausa di recente durante la congiunzione solare, poiché il sole ha bloccato la comunicazione tra Terra e Marte. Oltre a cercare forme di vita microbica, il rover sta raccogliendo dei campioni in modo che gli scienziati possano sviluppare una storia più accurata del clima del pianeta. Uno dei campioni è stranamente scomparso.

Il razzo sta sfruttando uno strumento d’abrasione per raschiare via le rocce e indagare sui minerali all’interno. “Ho abraso una piccola macchia di una roccia per rimuovere lo strato superficiale e dare un’occhiata sotto. Concentrandomi sul prossimo obiettivo per #SamplingMars“, si legge in un post dall’account Twitter ufficiale del rover.

NASA: il razzo Perseverance sta raccogliendo ulteriori campioni sulla superficie di Marte, il contenuto è un mistero

È stato recentemente rivelato che il cratere Jezero fosse la casa di un antico delta di un fiume. La presenza di acqua renderebbe più probabile che ci fosse vita su Marte. Perseverance ha 43 provette campione per raccogliere detriti, che saranno riportati sulla Terra in futuro. Recentemente ha raccolto il suo primo campione di roccia “perfetto” (dopo che un campione precedente è misteriosamente scomparso). È probabile che l’agenzia spaziale consideri ora un nuovo campione di quest’area. Se è così, queste rocce potrebbero essere ancora più antiche del previsto.

“Ci sono rocce potenzialmente più vecchie nella regione ‘South Séítah’ davanti a noi, quindi avere questo campione più recente può aiutarci a ricostruire l’intera linea temporale di Jezero“, spiega Vivian Sun, uno degli scienziati della missione presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. Non si sa ancora cosa aspettarsi da queste provette, ma c’è un alone di mistero sull’intera missione che potrebbe portarci a scoperte inaudite.