Covid, incredibile: meno morti e contagi nei paesi con scarsa igiene, ecco perché

Secondo alcuni report israeliani che sono frutto di una ricerca molto accurata, in tutti i paesi con bassi livelli di igiene sarebbero venuti fuori meno contagi da Covid e meno morti. Tale studio è stato condotto nel Dipartimento di biotecnologia del Tel-Hai College.

Secondo quanto riportato, si ipotizza che la trasmissione del virus nei paesi con igiene scarsa avvenga differentemente da quanto visto nel resto del mondo. Lo studio infatti parla di una trasmissione che avverrebbe per via oro-fecale. Il tutto sottolinea quindi che il virus si diffonderebbe dalle feci dell’individuo malato verso un individuo sano e non per via aerea. La ricerca evidenzia che chi viene contagiato in questo modo, non compromettendo l’apparato respiratorio, svilupperebbe sintomi molto meno gravi.

 

Covid per via oro-fecale: in questo modo il virus non prende l’apparato respiratorio

Questo è quanto evidenziato dalla ricerca condotta dal Tel-Hai College:

In questo lavoro, si suggerisce che l’infezione fecale-orale da SARS-CoV-2 è più comune in condizioni di scarsa igiene rispetto all’infezione respiratoria, e che un’alta percentuale di coloro che sono infettati dal virus per via fecale-orale sono asintomatici“.

D’altro canto la tesi sostenuta da Rothschild è supportata dal fatto che l’infezione nell’intestino “sembra generalmente causare sintomi minori“, o addirittura nessuno. “La ridotta mortalità riportata nei pazienti con COVID-19 che presentano sintomi gastrointestinali può essere legata all’assenza di una risposta pro-infiammatoria nel tratto gastrointestinale nonostante il rilevamento della SARS-CoV-2“.

La possibile spiegazione potrebbe essere anche nel fatto che tutti gli anticorpi presenti nell’intestino risulterebbero addirittura 15 volte più potenti rispetto a quelli presenti nell’apparato respiratorio.