Samsung, Galaxy Z Flip 3, Galaxy Z Fold 3, smartphone pieghevole

Samsung ha presentato ufficialmente i nuovi Galaxy Z Fold3 e Galaxy Z Flip3 da qualche settimana ormai ma i due device continuano a mostrare sorprese. Gli smartphone pieghevoli infatti sono caratterizzati da una tecnologia in grado di proteggere la batteria nel lungo periodo.

I device moderni infatti, usano batterie agli ioni di litio che, con il passare del tempo e con i vari cicli di ricarica, perdono di efficienza. Per cercare di prevenire questo decadimento, Samsung ha deciso di introdurre un sistema che gestisce in automatico la batteria dei due foldable.

All’interno dell’applicazione Device Care presente su Galaxy Z Fold3 e Galaxy Z Flip3 c’è una sezione interamente dedicata alla gestione energetica. Tra le varie voci è stata introdotta anche la funzione “Protect Battery“. Attivando questa funzionalità, il device bloccherà in automatico la fase di ricarica all’85% impedendo al device di arrivare al 100%.

 

Samsung ha realizzato una feature per salvaguardare la salute della batteria di Galaxy Z Fold3 e Galaxy Z Flip3

In questo modo, il ciclo di carica non viene completato e quindi non si vanno a deteriorare gli ioni di litio prima del tempo. In questo modo, sarà possibile migliorare lo stato di salute della componente ed estendere la vita della batteria negli anni.

Al momento, Galaxy Z Fold3 e Galaxy Z Flip3 sono gli unici device su cui la feature è presente ed attivabile. Molto probabilmente, Samsung introdurrà la gestione avanzata della batteria su tutti i prossimi device tramite un aggiornamento dell’app di monitoraggio.

Infatti, anche sui Galaxy S21 aggiornati con la One UI 3.1.1 non c’è ancora alcun riferimento al “Project Battery”. Tuttavia, siamo certi che con i prossimi aggiornamenti di sistema il produttore coreano introdurrà su tutti i propri device una feature fondamentale come questa.