canone rai

Anche quest’anno alcuni contribuenti italiani avranno la possibilità di non pagare il canone Rai. L’imposta, sempre inclusa nella bolletta elettrica, ammonta a 90 euro annui, ed è suddivisa in 10 rate da 9 euro ciascuna o in 5 rate da 18 euro nel caso di bollette bimestrali.

Il termine ultimo fiisato per la presentazione della richiesta di esenzione dal pagamento del canone Rai era il 31 luglio. Quest’anno, però, a causa dello slittamento delle scadenze fiscali a dopo agosto, la richiesta può essere presentata entro e non oltre venerdì 20 agosto.

Per ottenere tale esenzione, i contribuenti richiedono una serie di requisiti:

  • Bisogna aver compiuto 75 anni di età entro e non oltre il 31 luglio;
  • Un reddito annuo non superiore alla soglia di 8mila euro;
  • Non convivere con soggetti con reddito proprio;

Essere in possesso di uno o più televisori nell’abitazione in cui è stabilita la residenza del richiedente e nel caso in cui la residenza sia diversa non sarà possibile ottenere l’esenzione dal pagamento del canone Rai.

Nonostante questi presupposti, ci sono dei vincoli

In presenza dei suddetti requisiti anagrafici e fiscali, l’interessato avrà diritto all’eliminazione della metà dell’imposta complessiva. Se, invece, il richiedente ha compiuto i 75 anni entro il 1 gennaio 2021, quest’ultimo ha diritto all’esenzione totale del beneficio, peraltro, già scaduto. Questo perche’ la domanda per mirare al 100% di cancellazione della tassa doveva essere inoltrata entro il 20 aprile.

Per ottenere l’esenzione sarà necessario compilare e consegnare l’apposito modulo di domanda fornito direttamente dall’Agenzia delle Entrate. Oltre ai consueti dati anagrafici, come detto in precedenza, il richiedente deve specificare di possedere i requisiti espressamente richiesti dall’Agenzia delle Entrate.