whatsapp-disponibile-funzione-ascolto-audio-messaggi-velocizzati

Dopo tanto tempo finalmente è approdata anche su WhatsApp la funzione che dimezza i tempi di ascolto degli audio messaggi. Telegram e altre app concorrenti di messaggistica istantanea è anni che ce l’hanno, ormai si può dire di default.

Chi non ha amici o colleghi logorroici che inviano messaggi audio infiniti! Ovviamente sempre su WhatsApp che, nonostante tutto, è ancora l’app più diffusa fra gli utenti. Beh, ora è arrivato il momento di dire addio a questo strazio grazie al nuovo aggiornamento di WhatsApp. Ecco i dettagli.

 

WhatsApp introduce la possibilità di velocizzare i messaggi audio

Intanto che WhatsApp sta testando “Review, la funzione per riascoltare i messaggi audio prima di inviarli, ecco arrivare il tanto atteso aggiornamento. La nuova funzione introdotta sull’app del Gruppo Facebook riguarda la possibilità di riprodurre gli audio messaggi più rapidamente.

whatsapp-funzione-ascolto-audio-messaggi-velocizzati-come-fare

La funzione si integra a pieno nella chat di WhatsApp e, una volta avviata la riproduzione, sarà possibile in sequenza selezionare fino a tre velocità:

  • una volta più veloce: “1x“;
  • una volta e mezza più veloce: “1,5x“;
  • fino a due volte più veloce: “2x“.

Con quest’ultima l’utente dimezza di netto i tempi di ascolto. Non male se ci dovessimo trovare di fronte ad un audio messaggio WhatsApp lungo 6 minuti! Ne dovremmo dedicare solo 3.

 

La nuova funzionalità è disponibile per Android e iOS

Questa nuova funzionalità WhatsApp l’ha già resa disponibile sia per la sua versione Android, che per quella iOS. Quindi tutti gli utenti possono beneficiare di questa preziosa novità.

Non ci sono dubbi che questa possa risolvere molti problemi. Anche perché, si sa che su WhatsApp, se c’è da scrivere, tutti sono perfetti risparmiatori, ma quando si tratta di registrazioni audio, nessuno bada a spese. E siccome il tempo oggi è denaro ben venga la nuova funzione che ci permette di velocizzare i messaggi audio.

FONTEil Corriere della Sera