3GMolti servizi hanno bisogno di una connessione efficiente, ed sarebbe infatti opportuno avere una velocità che possa essere funzionale all’esigenze dell’utente. C’è però da dire una cosa: questo incremento di velocità deve per forza di cosa andare a discapito di qualche altra cosa. Infatti, questo sembra essere il caso del 3G, che con l’arrivo di nuove connettività, ha poco tempo a disposizione.

3G addio: il ruolo determinante che ha avuto il 5G in questa situazione

Oramai, sembra che il 3G avrà davvero vita breve. Ciò a causa dell’arrivo imminente del 5G, il quale ha decisamente distrutto la concorrenza con le connessioni precedenti. Di fatto, il 3G va ad occupare degli spazi e dei servizi che potrebbero investiti diversamente, andando automaticamente a rallentare il processo di inserimento del 5G.

Quindi, il discorso non sembra riguardare solamente la velocità, ma anche un uso decisamente poco frequente. Lo stesso 4G, inoltre, pare che da qui a qualche anno giungerà al termine. Tuttavia, questo cambiamento non andrà a coinvolgere il 2G, che è ancora estremamente utilizzato per alcuni servizi di allarme e sicurezza.

A partire da quest’anno, tutti i gestori telefonici andranno gradualmente a spegnere questa linea, facendo sì che il 5G riesca ad avere uno spazio maggiore, dato che già molti smartphone lo stanno implementando. In più, anche il 6G è in procinto di arrivare, ma non prima del 2030. Quindi, tutti coloro che usano ancora una vecchia SIM con abilitazione al 3G, le quali sono molto rare, hanno il dovere di acquistarne una nuova.