blank

Come previsto, l’Agenzia europea per i medicinali ha appena approvato Ad26.COV2.S, il vaccino Johnson & Johnson. Nei prossimi giorni la Commissione Europea approverà l’iniettabile e inizierà ad essere distribuito in alcuni Paesi dell’Unione che, dopo tanti ritardi e polemiche, lo attendono a braccia aperte. La Spagna, senza andare oltre, ha impegnato più di venti milioni di vaccini; cioè, solo con questo vaccino può immunizzare quasi la metà della sua popolazione.

Proprio per questo, e sebbene voci di ritardi tormentino il vaccino da settimane, esperti e autorità sanitarie hanno chiarito che Ad26.COV2.S, sicuro, efficace e monodose, può cambiare tutto: è l’asso nella sua sleeve ”per raggiungere l’obiettivo di vaccinare in estate il 70% della popolazione.

Come funziona? Quali effetti collaterali ha? Cosa possiamo aspettarci da esso? Ecco cosa sappiamo del vaccino Johnson & Johnson.

Per mesi abbiamo ripetuto che il tradizionale processo di sviluppo del vaccino era lento e problematico. È vero e, infatti, in un periodo come quello attuale, molti ricercatori hanno iniziato a lavorare su sistemi che permettessero di accelerare lo sviluppo senza compromettere la sicurezza e l’efficacia dei vaccini. Più di dieci anni fa, il Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston iniziò a lavorare con l’Adenovirus 26.

Ad26 è un vettore di fiala sufficientemente noto e versatile per costruire con esso un sistema di sviluppo rapido del vaccino. Lo ha già mostrato in diverse occasioni. I team BIDMC e Johnson & Johnson hanno già sviluppato vaccini sperimentali per numerose malattie tra cui Ebola, Zika e HIV sono forse le più famose. Pertanto, nel gennaio 2020, con la pandemia fuori controllo in Cina, i laboratori e i prodotti farmaceutici si sono messi all’opera.

L’operazione è molto simile a quella di altri vaccini a base di adenovirus (come AstraZeneca o Sputnik V): i ricercatori utilizzano strumenti di ingegneria genetica per garantire che l’innocuo Ad26 esprima le proteine ​​proprie del coronavirus; vale a dire, “Disguise” l’adenovirus SARS-CoV-2 per il sistema immunitario per identificare e sviluppare l’immunità ad esso. Alla fine di gennaio 2021, dopo mesi di studi clinici, Johnson & Johnson ha annunciato che il vaccino era sicuro ed efficace.

Alla fine di gennaio, Johnson & Johnson ha pubblicato i risultati della Fase III della sua sperimentazione clinica su oltre 44.000 partecipanti. Secondo questi dati e quelli della FDA nordamericana, il vaccino ha mostrato un’efficacia del 77% efficace 14 giorni dopo la vaccinazione e dell’85% efficace da 28 giorni.

Quando analizziamo i dati geograficamente, vediamo che hanno raggiunto un’efficienza del 72% negli Stati Uniti, del 66% in America Latina e del 57% in Sud Africa. Secondo l’azienda, i risultati inferiori in America Latina e Sud Africa (soprattutto in quest’ultimo) erano probabilmente dovuti a nuove varianti del virus.