chatbotMicrosoft ha ottenuto un brevetto per creare un cosiddetto chatbot utilizzando le informazioni delle persone decedute e permettere agli utenti di parlare con loro. Suona familiare? Gli appassionati di Black Mirror sicuramente ricordano un episodio in particolare  in cui il bot diventa persino un robot.

Il brevetto descrive la creazione di un bot basato su “immagini, note vocali, post sui social media, messaggi” e altre informazioni. “La persona specifica può corrispondere a un’entità passata o presente (o una sua versione), come un amico, un parente, un conoscente, una celebrità, un personaggio di fantasia, una figura storica, un personaggio casuale ecc”.

“La persona può anche corrispondere a se stesso (ad esempio, l’utente che crea/addestra il chatbot)”. Ciò significa che gli utenti potrebbero addestrare un sostituto digitale in caso di morte. Microsoft ha persino incluso modelli 2D o 3D di persone generate tramite immagini e informazioni o dati video. L’idea che tu possa, in futuro, parlare con una simulazione di qualcuno che è deceduto non è nuova. Come accennato prima, è la trama dell’episodio di Black Mirror “Be Right Back”, in cui una giovane donna utilizza un servizio per raccogliere dati dal suo partner defunto e creare un chatbot – e alla fine un robot “in carne ed ossa”.

Parlare con i propri cari – e non solo – che non ci sono più, il nuovo progetto di Microsoft: spunta un brevetto del chatbot

Lo scorso ottobre, ad esempio, Kanye West ha regalato a sua moglie Kim Kardashian West un ologramma del suo defunto padre, Robert Kardashian, per festeggiare il suo 40° compleanno. L’ologramma ha parlato per circa tre minuti, rivolgendosi direttamente a sua figlia come se fosse lì. Oltre a Microsoft, altre aziende hanno cercato di raccogliere i dati digitali per progetti simili.

Eugenia Kuyda, co-fondatrice della società tecnologica Luka, ha utilizzato 8000 righe di messaggi di testo tra lei e l’amico Roman Mazurenko, ucciso in un incidente stradale, per creare un chatbot che imitasse il modo di parlare di Mazurenko. “Sì, contiene tutte le tipiche espressioni, le corrispondenze di Roman. Ma per ora è difficile leggere una risposta da un programma. A volte risponde in modo errato”, ha dichiarato il padre di Mazurenko.