Elite, Suburra, Sex Education: manca poco all'esplosione delle serie tv

Dopo un anno di incertezze, negli ultimi mesi si è smosso qualcosa nel mondo della cinematografia e della creazione di contenuti per il grande pubblico.

La maggior parte delle produzioni è riuscita a tornare sul set, presto o tardi, ma in molti casi si è dovuta arrestare nuovamente a causa della seconda ondata della pandemia che in questo 2020 ha attratto su di sé, quasi sequestrato, l’attenzione del mondo intero.

Tra queste, Peaky Blinders deve ancora terminare le riprese sul set – nonostante sia una delle prime serie tv ad aver ricominciato a girare a inizio estate, con l’ok da parte del Governo inglese – così come Élite e Riverdale.

Peaky Blinders, una speranza dal post di Arthur. Per Élite e Riverdale ci sarà da attendere

Qualche giorno fa, però, sul profilo Instagram dell’attore che interpreta Arthur – il fratello di Thomas Shelby – in Peaky Blinders, Paul Anderson, è comparso un post che sembrerebbe rimandare ad un prossimo arrivo della serie su Netflix. Chiaramente si tratta di un’anticipazione piuttosto inconsistente, conoscendo a che punto è lo sviluppo della nuova stagione, ma non può che farci sperare in un ritorno non troppo lontano sulla piattaforma di streaming più amata al mondo.

Nel frattempo, anche i teen drama Élite e Riverdale stanno per tornare. Dopo aver riconfermato le nuove stagioni intorno a maggio dello scorso anno, le ipotesi più accreditate riguardano un ritorno sullo streamer verso la primavera del prossimo anno (compiendo quindi un anno come da prassi Netflix) o addirittura dopo l’estate. Non ci resta che attendere informazioni più dettagliate circa l’andamento delle riprese.