Il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha stabilito che lo Stato distribuisca sul territorio italiano il segnale WiFi gratuito. Al momento attuale, 2.828 comuni italiani hanno aderito a questo progetto realizzato da Infratel e coordinato dal MISE in collaborazione con MiBact. Consiste nell’offerta gratuita di internet, in determinati luoghi pubblici e che prevede una velocità pari a 30 mbps in download.

A partire da questa idea, è stato realizzato un piano chiamato Piazza Italia WiFi, finalizzato a mettere a disposizione dei paesi colpiti dal terremoto, internet gratuitamente. Per la precisione in 138 paesi in tutto. Dopo quel momento però, ne sono stati aggiunti molti altri, in seguito a una disponibilità di fondi superiore a quella precedente. Vediamo insieme ai dettagli di questa iniziativa.

Progetto Piazza WiFi, Ecco come si è velocizzato grazie a Poste Italiane

L’obiettivo finale di questa iniziativa, è di avviare una rete in grado di abbracciare, man mano, tutta l’Italia. Tutto questo sarà realizzabile in grandissima parte, grazie a Poste Italiane, la quale ha già avviato un progetto, tramite un protocollo di intesa siglato dallo Stato. In questo modo, renderà disponibili per il progetto, i suoi hotspot già presenti sul territorio.

Pertanto, tutti gli uffici postali presenti sul territorio italiano, saranno parte del progetto di piazza WiFi Italia. In questa maniera, se consideriamo il numero di uffici esistenti, sarà possibile avere una copertura massiccia di rete WiFi in giro per il territorio italiano. Per i prossimi aggiornamenti vi informeremo quanto prima, ma ormai il progetto è avviato e destinato a crescere.