3GLa rete 3G sta per diventare inservibile. Pochi la usano se non per mettere una pezza ai disservizi causati da una rete 4G in manutenzione o proposta da un operatore la cui copertura non risulta essere ottimale.

In linea con il lancio del 5G, tutti i maggiori player nazionali del mondo telefonia contano di relegare il network all’oblio digitale. Un’affermazione sensata, considerando il fatto che tale ecosistema non offre il necessario supporto tecnico per fronteggiare le richieste Internet. Scopriamo insieme che cosa succederà nei prossimi mesi.

 

3G addio: TIM e Vodafone sono andate oltre, ora si attende il parere di Iliad, Fastweb e WindTre

Al momento coesistono le infrastruttura di tipo 2G GSM (chiamate ed SMS, anche in versione 2.0), 3G e 4G nelle sue carie sfaccettature. Per il 5G si vede la compartecipazione attuale di TIM e Vodafone reduci dalle loro prime opzioni tariffarie. Entro il mese di Giugno 2022 il progetto di copertura del network di quinta generazione verrà ultimato con la rete di terza generazione costretta a lasciare le redini ad una soluzione ad alto valore tecnico.

Le basse velocità ed il limitato range di utilizzo delegano il network 3G a ruolo di secondo piano nel contesto delle reti. Tutta l’attenzione si volge quindi alla nuova leva della connettività che con il 5G guadagna massima copertura, velocità Gigabit e promo ad hoc con Giga Illimitati per sempre. Chiaro che non può esserci spazio per il passato.

Gli operatori stanno ancora decidendo le sorti del network e benché non vi siano dichiarazioni ufficiali è chiaro che tutto lascia pensare ad un possibile abbandono della rete. Ne sapremo di più nel corso dei prossimi mesi che serviranno anche per saperne di più in merito alla rete 6G che promette una vera e propria rivoluzione.