Da un po’ di mesi si sente già parlare di una suddivisione delle stagioni in più parti. Questo metodo “sagace” è stato già adottato in passato da AMC per Breaking Bad, e riutilizzato recentemente per Bojack Horsemanda. Netflix infatti ha scelto questa strada per far sì che ci sia un divenire di suspense che porti nello spettatore un alto livello di curiosità. Tra le serie che hanno accolto questa trovata vi è inoltre Lucifer, opera narrante la storia del signore dell’inferno.

Egli abbandona il trono che non lo rende soddisfatto e diventa il proprietario di un nightclub a Los Angeles. Qui conduce una vita lussuosa e privilegiata fino a quando l’assassinio di una ragazza apporterà delle modifiche a quest’ultima: Lucifer infatti cambierà quasi completamente il suo atteggiamento. Allo stesso tempo, la notizia del delitto porterà la detective Chloe Dancer ad indagare sul caso e a portare giustizia. La morte della ragazza condurrà Lucifer, affascinante e maledetto, ad apprezzare la purezza d’animo di Chloe.

Lucifer su Netflix diventa un Musical

Non è certo che ci sia un Lucifer 5, lo stesso Tom Ellis ha però affermato durante il Kelly Clarkson Show: “La quinta stagione di Lucifer sarà divisa in due parti. Netflix pubblicherà i primi otto episodi, poi ci sarà una piccola pausa, e poi arriveranno gli altri otto episodi.” Effettivamente la serie dapprima comprendeva solo 10 episodi, a questi però ne sono stati aggiunti altri 6 portando il totale a 16. (nulla a che vedere con i 22 episodi che produceva Fox).

Tom Ellis ha inoltre rivelato: “È sempre divertente filmare le cose musicali, sai? Ma la cosa più bella è che non è solo Lucifer che canta”.

La serie ha in serbo delle grandi novità. Ci ritroveremo forse nel bel mezzo di un musical anni Quaranta?