La NASA ha condiviso altri due eventi sismici sulla superficie di Marte. Dopo l’attracco sul Pianeta Rosso a dicembre, il sismometro sensibile del lander InSight ha tenuto un orecchio a terra, ascoltando i “marsquakes“.

Ogni evento agisce come una specie di lampadina, illuminando l’interno della sfera e rivelando la profondità e la composizione dei suoi strati.

Marte produsse il suo primo rombo interno ad aprile, che si rivelò essere una “strana anatra“, secondo la NASA: Sol 128 presentava un segnale sismico sorprendentemente ad alta frequenza, rispetto a ciò che il team scientifico ha sentito da allora.

Su più di 100 eventi finora rilevati, solo 21 sono fortemente considerati marsquake, incluso uno il 22 maggio (il 173 ° giorno marziano, o sol, della missione) e un altro il 25 luglio (Sol 235).

Molto al di sotto della gamma uditiva umana, queste sonificazioni sono state accelerate e “leggermente elaborate” per renderle udibili tramite le cuffie. Sol 235 è di circa una magnitudine 3.3.

 

Terremoti su Marte: le considerazioni degli scienziati e i “suoni” del sisma

È stato emozionante, soprattutto all’inizio, ascoltare le prime vibrazioni del lander“, secondo Constantinos Charalambous, membro del team scientifico di InSight all’Imperial College di Londra. “Stai immaginando cosa sta realmente accadendo su Marte mentre InSight si trova su un paesaggio aperto.

Leggi anche:  Marte: le ultime novità lasciano il mondo a bocca aperta

Charalambous e Nobuaki Fuji dell’Institut de Physique du Globe de Paris hanno fornito campioni audio della NASA (che è meglio ascoltare con le cuffie).

A differenza della superficie sconclusionata della Terra (sopraffatta dal rumore sismico degli oceani e del tempo), il Pianeta Rosso è estremamente silenzioso, consentendo a SEIS di captare anche i più deboli rumori dall’interno.

Marte non ha placche tettoniche: grandi dischi scivolano sul mantello terrestre, provocando terremoti e formando vulcani, montagne e trincee oceaniche.

Invece, il nostro pianeta subisce tremori causati da difetti o crepe nella sua crosta. Mentre masse pesanti e raffreddamento lento aggiungono stress alla crosta, si rompe, rilasciando energia.

Il team di InSight è sempre a caccia di terremoti, che appaiono più frequenti nelle ore del crepuscolo. Durante il giorno, la luce del sole riscalda l’aria e crea più interferenza del vento rispetto alla notte.

Le serate forniscono anche alcuni suoni peculiari che probabilmente provengono dalle parti delicate all’interno del sismometro che si espandono e si contraggono l’una contro l’altra.