virus WhatsAppUna minaccia WhatsApp intimorisce gli utenti che sfruttano chat e gruppi per mantenere contatti personali e di lavoro. Online gira la notizia di una versione Premium dell’app che mette tutti in pericolo. Al suo interno è stato trovato un potente virus che apre la porta agli hacker con attacchi ad hoc mirati al nostro profilo personale ed ai segreti celati all’interno del nostro smartphone. Ecco le novità per la nuova versione dell’app.

 

WhatsApp: ecco le ultime notizie sulla presunta versione Premium dell’app per dispositivi mobili

Dopo la grande fuga degli utenti a causa di un aggiornamento scorretto si torna a parlare delle chat verdi e di una notizia appena giunta in redazione negli ultimi minuti.

Se non fosse una bufala ci sarebbe non poco da preoccuparsi. Quella che viene spacciata come WhatsApp Gold è l’ennesima trovata virale di qualche burlone del web che punta a fomentare i timori degli utenti circa una potenziale minaccia alla sicurezza personale. Si propone quale alternativa all’app ufficiale allo scopo di sbloccare fantomatiche funzioni avanzate. Nulla di vero: Tali applicazioni, infatti, non si trovano nemmeno nel Play Store di Google.

Leggi anche:  WhatsApp: nuova truffa, credito prosciugato agliutenti Vodafone, Iliad e TIM

Il malware in questione si pone in evidenza sui social network descrivendo un pericolo in arrivo per la visualizzazione del “video Martinelli”, all’interno del quale pare si possa trovare il virus Gold. Altro non è che una fake news in piena regola. Non c’è alcun pericolo, tanto è vero che gli sviluppatori dell’app ufficiale hanno inibito simili alternative predisponendo un piano di chiusura degli account non ufficialmente riconosciuti.

Per difendersi da questi episodi occorre seguire delle semplici ed opportune regole di condotta:

  • Non cliccare link sospetti
  • Non scaricare documenti inviati da gente sconosciuta
  • Installate un antivirus
  • Usate solo l’app ufficiale
  • Non scaricate versioni alternative
  • Rispettate la policy d’uso definita dallo sviluppatore