Dopo il BAN di Google, riecco un nuovo device top di gamma del produttore cinese, Huawei. Stiamo parlando del Mate 20X in versione 5G. Fondamentalmente è lo stesso Mate 20 Pro che abbiamo già recensito con l’aggiunta però del modem per il 5g stand-alone, che lo rende differente da tutte le altre (poche) proposte di smartphone 5G attualmente presenti sul mercato.

Il modem 5G di Huawei Mate 20X

Troviamo il modem Stand-Alone Balong 5000. Al momento è la proposta migliore per il 5G che si possa trovare sul mercato. Qui su Roma dai nostri Speedtest risulta veramente ottimo. Certo, non siamo ancora alla velocità reale che si dovrebbe avere con la nuova rete, ma è normale. Vi ricordiamo che il 5G verrà lanciato ufficialmente a Gennaio 2020 e ci vorranno dei mesi prima di vedere l’effettiva velocità della nuova connessione.

Ma quali sono i vantaggi reali del 5G? Sicuramente una velocità impressionante, che però noteremo più negli accessori, negli oggetti e prodotti per la smart home e nella cybernetica, nella medicina, nelle industrie. Inoltre avremo più device connessi alla stessa cella. Infine, una latenza pari a 4 millisecondi anche se si sta lavorando per portarla vicino allo 0.

Estetica e dimensioni

Mate 20X è molto grande. Decisamente troppo. Io con le mani piccole faccio fatica ad impugnarlo e sicuramente in tasca non sono riuscito a tenerlo per più di 5 minuti. D’estate con il caldo e i pantaloni corti è decisamente impossibile da avere in tasca. Parliamo di 174,6 x 85,4 mm e uno spessore di soli 8,15 mm. Il peso poi di 232 grammi addosso si sente e in mano è ancora più difficoltoso da gestire. Anche l’invio di un messaggio è impossibile ad una mano.

Il display è un’unità 7.2 pollici in risoluzione Full HD con una densità di 346 ppi. Non è definitissimo ma è pur sempre AMOLED. Buoni gli angoli di visuale sebbene rifletta molto la luce. Le cornici sono comunque ridotte e troviamo un gotch che cela la fotocamera frontale. Un’esperienza multimediale appagante vedere i video e i contenuti Social su uno schermo così ampio. Costruzione ottima, la finitura della back cover è simpatica, ma esteticamente lascia un sacco le impronte e le sporcizie si vedono tutte. Forse trattiene i graffi meglio, ma sicuramente non le impronte.

Lo sblocco con il volto è preciso ma è pur sempre un semplice 2D, pertanto non sicuro. Il  lettore per le impronte digitali posto sul retro invece è veloce e affidabile. Ma troppo scomodo. Ci saremmo aspettati un fingerprint sotto al display, ma sembra che Huawei per quest’anno “si sia mantenuta sulle sue“, non innovando come ci aveva abituato negli anni precedenti. Rispetto alla concorrenza è l’unica che ha portato ancora il gotch come soluzione anche sui suoi top di gamma nel panorama degli smartphone Android. Speriamo in un nuovo design con la nuova serie Mate.

Leggi anche:  Xiaomi presenta Mi 9 Pro 5G, ecco il nuovo smartphone top di gamma

Batteria e connettività

Abbiamo già parlato di connettività 5G, ma sul resto è un vero e proprio top di gamma. BT 5.0, NFC, USB C e GPS/Glonass. Connettività inoltre Dual Sim, ma solo per la prima SIM si trova il 5G. Durante le chiamate ci sentono sempre bene. Il GPS è preciso e l’NFC è sempre una piacevole sorpresa.

La batteria scende notevolmente in 5G usandolo, in stan-by invece si comporta benino nonostante le nuove reti. Bene l’utilizzo in 4g classico anche se non si va mai oltre orario di cena. Il display non consuma molto, ma il modem per il 5G invece incide parecchio sulla durata della batteria.

Caratteristiche hardware e software

Il processore è il Kirin 980 già visto su quasi tutti gli altri Huawei top di gamma: va alla grande e non ha mai un’incertezza o un lag. E’ identico al P30 Pro: tutto gira veloce e fluido. Troviamo inoltre 8 gb di RAM e 256 GB di memoria interna soltanto UFS 2.1 e non 3.0 come il One Plus 7 Pro. Il sistema invece è il classico Android 9 pie con Emui 9.1.

Fotocamere

Le fotocamere sono incastonate nel classico riquadro di casa Huawei con tre lenti e un flash led. Il sensore principale è da 40 megapixel con apertura f 1.8, il sensore per il grandangolo è da 20 Megapixel e l’ultimo, ha 8 Mega con Zoom stabilizzato otticamente. 

Il device ci piace moltissimo per le foto: sia quelle scattate con la fotocamera anteriore che quella posteriore. I dettagli negli scatti sono buonissimi e la modalità ritratto sbaglia difficilmente la sfocatura e i contorni. Per le foto in notturna ci saremo aspettati qualcosa di più invece. I selfie gestiscono bene le luci mentre i video selfie sono molto buoni e mi piace finalmente la messa a fuoco nei video realizzati con le lenti posteriori.

Prezzo e conclusioni

Il prezzo è di 1099,00 Euro per questo Huawei Mate 20X 5G. E’ vero: è eccessivo ma è destinato ad un pubblico che vuole un prodotto “grande” nell’uso quotidiano, e non sicuramente per tutti. Per chi vuole un prodotto lungimirante e che guarda al futuro con già a bordo la possibilità di usare le schede SIM con il 5G, Mate 20X è un’ottima scelta. Intanto vi lasciamo il link nel caso voleste acquistarlo da Amazon.

Huawei Mate 20X 5G

1099,00 €
6.8

Materiali

8.0/10

Prestazioni

8.0/10

Prezzo

6.5/10

Design

6.5/10

Dimensioni

5.0/10

Pro

  • Fotocamera
  • Display
  • Ottimizzazione software
  • Qualità delle antenne WiFi e 5G

Contro

  • Batteria in 5G
  • Dimensioni
  • Usabilità
  • Scalda un po' troppo