.fedex-huawei-trump-stati-uniti-divieto-commerciale

Secondo il Wall Street Journal, FedEx ha intentato una causa lunedì contro il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Questa è la seconda causa intentata contro gli Stati Uniti.
agenzia governativa in una settimana, con la prima arrivata da Huawei.

In una dichiarazione rilasciata ieri, FedEx ha dichiarato che l’attuale regolamento sull’amministrazione delle esportazioni (EAR) pone un “onere impossibile” per monitorare i pacchetti di violazioni. FedEx ha detto che gestisce circa 15 milioni di pacchi al giorno,
con un’ispezione di ognuno un “compito praticamente impossibile”.

FedEx ha intentato causa contro gli Stati Uniti

In combinazione con la mancanza di protezioni sicure del porto, FedEx vede solo due linee di azione. Potrebbe rischiare multe “immediate” da parte degli Stati Uniti o scegliere di non spedire pacchetti che sembrano un po’ rischiosi. Tuttavia, FedEx potrebbe essere inserita nell’elenco delle entità inaffidabili della Cina.

Leggi anche:  Huawei P30, la serie supera 10 milioni di unità spedite in 85 giorni

L’incidente più recente riguarda un pacco FedEx, con all’interno un telefono Huawei, consegnato agli Stati Uniti dal Regno Unito. FedEx non ha indicato Huawei nella sua dichiarazione o reclamo. L’elenco delle entità ha un impatto apparente sulle sue operazioni e su FedEx. A seguito del divieto, Huawei ha registrato un calo del 40% delle vendite internazionali. Inoltre, la compagnia si aspetta il divieto di cancellare 30 miliardi di dollari di entrate.

Il segretario del Dipartimento del commercio Wilbur Ross ha dichiarato quanto segue in risposta ai commenti di FedEx: “Il regolamento stabilisce che i corrieri non possono spedire intenzionalmente oggetti in violazione della lista di entità o di altre autorità di controllo delle esportazioni”.

Un portavoce del Dipartimento del commercio ha dichiarato che l’agenzia non ha ancora esaminato la denuncia.