microsoft

Il capo della Microsoft Xbox, Phil Spencer, afferma di essere consapevole dei problemi che l’industria dei videogiochi affronta da una prospettiva culturale, problemi come l’utilizzo di scene in cui ci si droga, abusi, molestie e atteggiamenti di esclusione che possono portare ad una visione distorta del gioco in se.

Così oggi, Spencer dice che Microsoft sta lanciando un’iniziativa a livello settoriale per combattere questi problemi condividendo soluzioni e tecnologie e impegnandosi ad applicare nuove strategie aggressivamente.

“Primo, il gioco è per tutti. Che tu sia un principiante dei videogiochi o un irriducibile fan degli e-sport, sei libero di giocare a qualsiasi cosa tu voglia, qualsiasi sia il contenuto del gioco. In questo modo, quando tutti possono giocare, il mondo intero vince “, scrive Spencer in un post sul blog intitolato “ Videogiochi: Una forza unificante per il mondo “.

 

I giochi sono per tutti e di tutti

Spencer dice di credere in quelle che definisce due verità fondamentali: ovvero, giocare è per tutti, indipendentemente dalla tua età, sesso, nazionalità, orientamento o colore della pelle. L’altro è che, affinché i vantaggi del gioco siano accessibili a tutte le persone nel mondo, aziende come Microsoft e altri devono promuovere una cultura di gioco sicura e un ambiente online, sia attraverso politiche e strumenti sia attraverso cambiamenti positivi alla comunità e all’industria stessa.

Leggi anche:  Excel si evolve: ecco la nuova funzione dell'applicazione su iOS

“Il gioco deve essere un ambiente sicuro. Creare una comunità è un lavoro condiviso, e proteggere la comunità è un lavoro essenziale, quindi, tutti noi portiamo parte del carico utile della sicurezza della comunità allo stesso modo “, scrive il capo di Microsoft. “Il gioco è la porta d’ingresso verso l’intrattenimento già dall’inizio del 21esimo secolo, ma anche a livello professionale può dare i suoi frutti. Basta considerare: le ragazze adolescenti che giocano ai videogiochi hanno una probabilità tre volte maggiore di conseguire un diploma STEM. Tra gli adolescenti che giocano ogni giorno online con altri, il 74 percento ha fatto amicizia online e il 37 percento ha più di cinque amici online. “