aumenti operatori

I gestori telefonici assumono sempre maggiore importanza nella società di oggi; i consumatori in possesso di uno smartphone, cercano sempre il gestore perfetto capace di soddisfare i propri bisogni. Durante gli anni, la scelta è diventata più ampia grazie alla nascita dei nuovi gestori telefonici virtuali; la loro entrata, ha caratterizzato notevolmente il mercato telefonico dovuto ai prezzi economici delle loro tariffe.

Gestori telefonici: l’ampia scelta mette in dubbio i consumatori

Quale gestore telefonico scegliere per possedere un ottimo servizio? Questa è la domanda che frequentemente si pongono molti consumatori; fino a qualche anno fa, la scelta si limitava a Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia mentre oggi, i consumatori sono molto attratti dalle tariffe low cost dei gestori telefonici virtuali.

Tutti i gestori telefonici sono diversi e offrono servizi differenti ma, chi è il migliore? Secondo alcune analisi, il gestore telefonico Vodafone è il migliore per quanto riguarda la copertura; i prezzi sono più alti della media, ma i suoi clienti preferiscono pagare prezzi più alti se il servizio ne vale la pena. Il gestore telefonico è disponibile sul mercato italiano dal 1994 e nonostante alcuni servizi a pagamento, ha 25 milioni di SIM attive.

Leggi anche:  4G: gli smartphone connessi a Tim, Wind, Tre e Vodafone sono a rischio

Si gioca il primo posto anche Tim che per pochi punti si siede invece al secondo; nasce nel 1995 e nonostante i suoi prezzi sono spesso ingannevoli e aumentano dopo qualche mese, possiede 30 milioni di SIM attive. Se parliamo di servizio, è uno dei pochi che riesce a garantire copertura e velocità di rete grazie alle sue numerose infrastrutture di rete che si trovano in tutte le zone d’Italia.

Per quanto riguarda Wind 3 Italia, da qualche anno si sono unite fra loro diventando un unica azienda per lavorare insieme alla realizzazione del 5G; sono entrambe note per le loro tariffe prosperose ed economiche ma purtroppo, non tutti i consumatori possono attivarne una perché poche zone italiane godono della loro copertura.