SkyL’abbonamento sul digitale terrestre è il contratto su cui Sky sta davvero puntando forte nel corso delle ultime settimane. Con una pesante campagna promozionale in televisione, e in rete, l’azienda sta pubblicizzando la possibilità di ottenere la visione dei suoi canali anche senza l’installazione di una parabola satellitare sul tetto di casa o l’invio del decoder da collegare alla televisione.

Consapevole di godere del dominio assoluto sulla trasmissione satellitare, l’azienda nel corso del 2018 ha deciso di lanciare una nuova tipologia di abbonamento direttamente sul digitale terrestre (per contrastare l’offerta di Premium). L’idea è nata dalla necessità di incrementare il numero di clienti, sfociata poi nell’acquisizione della piattaforma tecnologica R2, anche in settori per lungo tempo sconosciuti.

Al giorno d’oggi è possibile spendere solamente 29,90 euro al mese per accedere ad un numero veramente elevato di canali, ma con alcune limitazioni. I pacchetti disponibili sono SportCalcio TV, nello specifico due canali ciascuno per i primi due e la maggior parte delle trasmissioni/serie TV per l’ultimo; il motivo risiede principalmente nell’impossibilità di fruire di frequenze radio infinite, in altre parole le frequenze utilizzabili sono limitate, di conseguenza Sky è stata costretta a scegliere quali contenuti trasmettere.

Leggi anche:  Sky elimina Mediaset Premium: ecco tre nuove offerte in esclusiva

 

Sky: i contenuti sul digitale terrestre sono davvero tantissimi

I servizi aggiuntivi, come MySky Sky Q non sono da ritenersi fruibili, data l’assenza di un decoder ufficiale, gli utenti non potranno registrare o accedere on demand dalla televisione di casa. La soluzione proposta corrisponde a Sky Go, il servizio che permette di godere dei contenuti tramite applicazione mobile dedicata.

Il prezzo di 29,90 euro è da ritenersi valido esclusivamente per le prime 12 mensilità, a partire dall’anno successivo si allineerà sui 44,90 euro a rinnovo.