Truffe online PostePayBastano pochi clic per perdere tutti propri risparmi presenti su conti correnti e carte di credito, senza escludere le prepagate più colpite, PostePay. Le truffe ormai avvengono online e circolano senza sosta a causa di hacker alla continua ricerca dei dati sensibili degli utenti da ingannare. Inviano email, SMS, messaggi su WhatsApp e i vari Social, ma non solo, anche le chiamate sospette possono nascondere tentativi di phishing. Anche il web, purtroppo, ha un lato oscuro dal quale è opportuno sapersi tutelare.

Truffe online PostePay: i tentativi di frode non finiscono, gli hacker provano ancora a ingannare gli utenti!

Chiunque ha ricevuto almeno una volta una mail sospetta o un SMS poco affidabile ma adesso la situazione sembra essere insostenibile. I malfattori sfruttano qualsiasi mezzo possa permettere di raggiungere un numero sempre più ampio di utenti e dai Social adesso si passa alle chiamate fraudolente. Tutti strumenti attraverso i quali diffondono avvisi fittizi riguardanti perlopiù problemi relativi ai conti correnti o alle carte PostePay che mirano ad ottenere codici e password degli utenti. Tramite siti clone ideati appositamente per ingannare gli utenti, infatti, riescono a rubare tutte le informazioni necessarie per avere accesso al conto online dei titolari delle carte per poi passare al prelievo del denaro presente.

Leggi anche:  Truffe online: torna la mail sul blocco della carta PostePay

Una tecnica, quindi, che non si limita a derubare l’utente ma che mira all’inganno psicologico suscitando la curiosità e la preoccupazione dell’utente meno esperto. Un passaggio che indurrà la vittima a fornire i dati inconsapevolmente e che permette ai criminali di agire senza destare il minimo sospetto.

Purtroppo tentativi di frode di questo tipo stanno diventando sempre più frequenti ma i continui consigli della Polizia Postale e degli stessi istituti bancari presi di mira dai criminali permettono agli utenti di riconoscerli ed evitarli. 

Come sempre è fondamentale non cliccare su alcun link presente, non lasciarsi intimorire e non inserire le proprie credenziali online.