whatsapp tim, wind, tre e vodafoneWhatsApp, il noto sistema di messaggistica istantaneo gratuito, tra i più sfruttati al mondo, possiede tra le sue funzionalità anche la possibilità di eseguire un backup dei dati, ovvero le conversazioni, fotografie, video e note audio che vi sono state inviate dai vostri contatti.

Sono possibili diverse modalità di backup, primo fra tutti quello sul dispositivo locale, ovvero il vostro cellulare, ma anche su Google Drive (se siete utenti Android) o sul Cloud (se siete utenti iOS) oppure inviare tutto tramite mail. Quali sono le principali differenze tra un salvataggio dei dati su dispositivo locale e quello su account Google Drive (o Cloud)?

Il salvataggio in locale delle conversazioni e dei loro contenuti è maggiormente controllabile dall’utente, infatti è possibile eseguirlo in qualunque momento e in copie diverse per data ad esempio, in questo modo è sempre possibile decidere quali conversazioni ripristinare e a quale data far risalire il recupero dei dati. Ovviamente il tasto dolente è dato dalla natura stessa del backup locale, ovvero in caso di furto o smarrimento del telefono voi avrete perso tutte le conversazioni. Altra problematica possibile potrebbe essere l’incompatibilità dei backup in caso di cambio di telefono e vi ritroverete nella stessa situazione appena descritta, tuttavia risolvibile utilizzando alcuni programmi di conversione per rendere compatibile il backup.

 

TIM, Wind, Tre e Vodafone: a rischio il backup Whatsapp con il traffico dati 3G e 4G

Il salvataggio invece su account Google Drive o Cloud ovvia a tutte le problematiche di smarrimento, furto del telefono o cambio dello stesso, ma ha una minore possibilità di controllo e non è possibile decidere a quando far risalire il recupero delle conversazioni, in altre parole tenderà a darvi sempre l’ultimo backup disponibile. Problema di non trascurabile importanza riguarda la dinamica con la quale viene fatto questo backup: è disponibile infatti la scelta tra “reti wi-fi” e rete “3G/4G”. Cosa significa questo? Significa che voi potete decidere in quali circostanze fare il backup, nello specifico se il backup su Google Drive o Cloud viene fatto quando siete in una rete wi-fi oppure in ogni momento a prescindere dalla connettività, questo significa che potrebbe essere fatto anche quando utilizzate la connessione 3G/4G di TIM, Wind, Tre e Vodafone .

Leggi anche:  WhatsApp: clamorosa multa agli utenti TIM, Iliad e Vodafone, 300 euro da pagare

Il backup delle conversazioni di WhatsApp normalmente può essere anche molto pesante, nell’ordine di diversi GB soprattutto se sono presenti molte foto o video o se non viene fatto molto frequentemente, questo può determinare il consumo di tutti i GB presenti nel vostro piano tariffario TIM, Wind, Tre e Vodafone se non prestate attenzione.

Il consumo dei GB può avvenire anche decidendo di fare il backup e inviare tramite mail il file ottenuto, in quanto viene creato prima un file locale e inseguito inviato come fosse una comune mail all’indirizzo impostato, questo significa che se voi utilizzate la connessione 3G/4G di TIM, Wind, Tre e Vodafone vi troverete a inviare un volume di dati molto grande come se steste facendo il backup su Google Drive.

Ora che sapete quali possibilità esistono su WhatsApp per fare un backup dei vostri dati, quali sono i vantaggi di uno rispetto all’altro, mi raccomando fate particolare attenzione a quando questo backup viene fatto, è molto semplice infatti trovarsi con zero GB disponibili da utilizzare per il normale traffico internet sul vostro telefonino.