1. Xiaomi non permette il donwgrade dalla MIUI 10

L’azienda cinese Xiaomi, oltre ad essere famosissima per gli smartphone, tablet e accessori che produce, lo è anche per il proprio sistema operativo personalizzato.

Da poche settimane è in circolazione la MIUI 10, ultimo aggiornamento del sistema personalizzato. L’azienda poche ore fa ha fatto sapere che i possessori di alcuni dispositivi, una volta aggiornati alla MIUI 10, non potranno più tornare indietro.

 

Xiaomi non permette di tornare indietro dalla MIUI 10 su alcuni dispositivi

Si tratta dei modelli Redmi Note 5 e Redmi Note 5 Pro, tutti i possessori di questi due smartphone, se li aggiorneranno alla MIUI 10 non potranno più tornare indietro. La notizia, come anticipato precedentemente, è arrivata direttamente dall’azienda che, nel proprio forum ha rilasciato la notizia. Nel post realizzato dall’azienda, è chiaramente espressa l’impossibilità di fare un passo indietro nel caso in cui venga installata la MIUI 10 nei dispositivi elencati sopra.

Il motivo sembra essere abbastanza valido, l’azienda ha intenzione di proteggere i propri utenti che, nel fare questa operazione, potrebbero ritrovarsi a rovinare il proprio dispositivo. Più precisamente, la ragione si chiama “Rollback Protection“, si tratta di una procedura presentata da Google con la nuova versione di Android. Infatti, nel momento in cui l’utente decide di aggiornare con l’ultima versione della MIUI, è impossibilitato a tornare sui suoi passi a causa dell’avvio verificato di Android 8.0 Oreo.

In questo modo, l’azienda riesce a rendere impossibile l’accesso ai dati personali da altre persone. Al momento l’azienda parla esclusivamente di Redmi Note 5 e 5 Pro, è molto probabile che in futuro Xiaomi, estenda la procedura anche per altri smartphone. In questo modo gli utenti non potranno più provare una determinata ROM per poi tornare alla versione precedente.