Google ha lavorato molto negli ultimi anni per poter approdare in Cina, ed ora sembra che i suoi sforzi abbiamo finalmente portato a ottimi risultati. Lo scorso anno l’azienda ha realizzato proprio in Cina un centro dedicato intelligenza artificiale, e poco dopo ha portato il numero degli ingegneri hardware da 20 a 150.

Un altro passo è stato compiuto la scorsa settimana, allorquando Google e JD.com hanno annunciato una nuova partnership che consentirà a entrambe le società di esplorare nuove soluzioni di vendita al dettaglio. Google vuoi espandersi anche in Asia, e investe sull’e-commerce più potente in Cina; basti pensare che lo scorso ha venduto per 51 miliardi di dollari.

 

Google vuole battere Amazon, e si allea con JD.com

Probabilmente non avete mai sentito parlare di JD.com prima d’ora, vero? Sostanzialmente, si tratta della principale società di e-commerce cinese, con una infrastruttura di vendita all’avanguardia. Ciò consente loro di offrire consegne ai propri clienti quando vogliono e dove vogliono; fare ciò in tutta la Cina – vista la sua vastità – richiede ovviamente la costruzione di profonde relazioni commerciali con i corrieri, sì da creare la propria catena di approvvigionamento e allo stesso tempo sviluppare una logistica rapida per consegnare in tempo i prodotti ordinati al cliente.

Google sa che la regione Asia-Pacifico è uno dei mercati più grandi e in più rapida crescita al mondo. In tal senso, Mountain View ha investito 550 milioni in JD.com, diventando così proprietaria di 27,1 milioni di nuove azioni – 20,29 dollari per azione. In questo modo, il colosso tecnologia vuole evitare che anche nei mercati cd. ”in crescita” vi sia un monopolio di Amazon, conquistando quello che sarà, con tutta probabilità, il principale mercato tech nei prossimi anni.

Leggi anche:  Amazon accusata dai piccoli commercianti: regala prodotti per visibilità

D’altronde, tra Google e Amazon di certo non corre buon sangue. Lo scorso anno vi sono state varie incomprensioni tra le due società: Amazon ha smesso di vendere la Google Chromecast, e il colosso di Mountain View, in tutta risposta, ha eliminato l’app di Youtube dalla Amazon Fire Stick TV. Una guerra che di certo non avvantaggia i due colossi e – sopratutto – noi utenti.

Le due società si uniranno per esplorare la creazione di nuove soluzioni di effettuare acquisti online, senza disagi e in maniera personalizzata. Ma non è tutto, poichè Google ha accettato di includere JD.com nel suo servizio Google Shopping, sì da permettere all’e-commerce di vendere alcuni prodotti di alta qualità ai consumatori in più Paesi del mondo. La sfida ad Amazon è lanciata, ora bisogna capire come quest’ultimo reagirà a tale affronto.