Huawei vs Apple

Il Capo Esecutivo della compagnia cinese Huawei Technologies, nell’illustre personalità di Richard Yu, ha avanzato la rassiscurante ipotesi di portarsi avanti ad Apple nel contesto del mercato di vendita del settore smartphone, che al momento vede le prime posizioni occupata dalla sudcoreana Samsung e dalla compagnia di Tim Cook. Ecco cosa è stato detto nel corso di una recente intervista.

Huawei vs Apple: saremo i migliori, parola di Richard Yu

Huawei è fermamente convinta di poter conquistare il podio in qualità di “miglior società del mercato smartphone”. I buoni propositi per prevalere su un mercato che al momento vede Samsung, reduce dalla presentazione dei suoi impressionanti Galaxy S9, ed Apple, pronta a presentare un iPhone X Plus dalle qualità eccelse, ci sono tutti.

Buoni propositi che si concretizzeranno in quelli che potenzialmente saranno i nuovi protagonisti del 2018, visti in un elenco abbastanza esaustivo che introdurrà le nuove ammiraglie e tutte le proposte del nuovo anno nel segmento mobile phone. Non avremo soltanto i Huawei P20 nelle loro versioni Standard, Lite e Pro ma una serie di proposte davvero esilaranti pronte a sfidare la concorrenza Android e quella iOS.

Nel corso di un’intervista, il CEO non ha certo espresso riserve circa quello che potrebbe essere il futuro di una compagnia in perenne ascesa e, in particolare, è stato detto che:

È possibile verso la fine di quest’ anno o forse l’anno prossimo. In molti Paesi siamo già al primo posto, come in Cina, o al secondo, come in Italia. Ma il mio vero obiettivo non sono le quote di mercato. Sono l’innovazione, la tecnologia, il design. La mia preoccupazione è come portare tutto questo ai consumatori, come aumentarne la soddisfazione e dare loro più valore. Ci concentreremo su modelli top di gamma e fascia media, non a piazzare più prodotti low cost. Cominciamo con il P20, il nostro nuovo smartphone portabandiera che presenteremo a Parigi il prossimo 27 Marzo 2018

smartphone Huawei 2018Huawei punta inoltre sullo sviluppo del nuovo ecosistema 5G che nel corso del 2019 introdurrà smartphone intelligenti in grado di regalare anche un’avanzata user experience sul piano della connettività, oltre che della gestione delle risorse e delle elaborazioni in locale tramite SoC IA. Nel contesto della disputa Huawei Mate 10 Pro – iPhone X, intanto, si fa riferimento anche ai prezzi per i quali si riferisce che:

Conosco quest’industria e i costi relativi. I margini sono bassi perché c’è molta ricerca e l’innovazione costa sempre di più. Oggi gli utenti tengono uno smartphone per due e spesso anche tre anni. Il costo di acquisto va spalmato su 36 mesi. Se ci aggiungi che ormai il telefonino è il gadget di gran lunga più importante nella vita di ognuno, il prezzo trova una ragione. Se i prezzi continuassero ad andare giù i produttori sarebbero destinati al fallimento e si fermerebbe anche l’innovazione

Riuscirà Huawei a prevalere su una consolidata realtà di mercato internazionale reduce da una serie di crescenti consensi commerciali? E come reagirà a seguito di un Keynote 2018 che porterà un iPhone X Plus decisamente innovativo e fuori dagli schermi? Staremo a vedere. Nel frattempo non possiamo fare altro che attenerci alle confortanti previsioni del CEO, che conclude dicendo che: “credo che entro 6 anni tutto questo porterà a una netta riduzione dei produttori. Ne resteranno quattro, forse soltanto tre“. Che la sfida abbia inizio.