samsung

Secondo alcune indiscrezioni pare che Samsung stia lavorando per la probabile produzione di un Facebook Phone. Come tutti ben sappiamo Mark Zuckerberg, noto fondatore statunitense del social network Facebook, ha fallito il tentativo del suo primo smartphone targato HTC First il quale non ha riscontrato un grande successo. Ma oggi pare ritornare su un nuovo progetto in collaborazione con l’azienda sudcoreana.

Qualche giorno fa Lee Jay-Yong, vicepresidente di Samsung, pare abbia avuto un incontro con Mark Zuckerberg presso la sede di Samsung a Seoul, in Corea. A quanto pare entrambe le parti siano arrivate ad un importante collaborazione che ben prezzo convolerà a nozze, ossia progettando un nuovo Facebook Phone.

Jay-Yong e Zuckerberg accordo raggiunto?

Alcuni funzionari che hanno partecipato alla riunione, dichiarano che l’incontro (al quale era presente anche il capo di Samsung Mobile Shin Jong-Kyun) è stato “win-win” per entrambe le aziende. Uno dei funzionari ha detto: “come Facebook si sta concentrando su un ecosistema in reti sociali, la società ha bisogno di un partner commerciale affidabile nell’hardware e credo che Samsung sia l’azienda giusta”.

Secondo i media coreani sembrerebbe che l’accordo sia stato raggiunto dopo l’ultimo meeting alla sede centrale di Samsung in Corea, ma ufficialmente non vi è alcuna notizia che affermerebbe una collaborazione tra Samsung e Facebook per un nuovo smartphone. Facebook continuerà a concentrarsi sul suo social network, dunque l’incontro tra le parti si pensa fosse avvenuto per parlare dell’installazione di default dell’app Facebook sui dispositivi Samsung.

Certo potremmo pensare ad una possibile collaborazione in futuro tra Samsung e Facebook, ma le probabilità che questo accordo avvenga sono davvero molto basse soprattutto se si pensa come il mercato si stia inoltrando verso la saturazione completa con le aziende leader del settore conducendole ad enormi perdite di esercizio.

E voi cosa ne pensate? Sareste d’accordo se entrambe le società raggiungessero un “vero” accordo?

Via