Alcuni smartphone Motorola sono stati recentemente certificati dalla Wi-Fi Alliance, ente cinese che conferma specifiche tecniche e scelte costruttive. WFA conferma – indirettamente – una delle caratteristiche più chiacchierate di Moto G6, ovverosia la presenza di un display in 18: 9.

In particolare, sebbene i risultati dei benchmark HTML5 restituiscano una risoluzione dello schermo (errata) di 360 x 720, essa è comunque indicativa di un rapporto di aspetto 18: 9; quindi Moto G6, G6 Play e G6 Plus dovrebbero godere di una risoluzione di almeno 1.440 per 720 pixel. Inoltre, Wi-Fi Alliance e il già citato benchmark HTML dimostrano che questi prodotti, assieme a Moto E5 e E5 Plus, saranno basati su Android 8.0 Oreo out-of-the-box.

Per quanto riguarda l’hardware interno, secondo la WFA, il dispositivo Motorola con numero di modello XT1922-1 dovrebbe essere dotato di un chipset MSM8937, che è anche noto come Snapdragon 430.

Come promemoria, l’XT1922-1 dovrebbe arrivare sul mercato come Moto G6 Play, e sarà sostanzialmente un’alternativa più economica a Moto G6 Standard Edition. Nel frattempo, XT1944-1 e XT1924-1 sono apparsi in Rete: essi, invece, dovrebbero debuttare come Moto E5 e E5 Plus ed essere basati sullo Snapdragon 425 di Qualcomm – MSM8917 nel database WFA.

Moto G6 Play è stato oggetto di molti rumor nel corso di queste settimane e, in base alle informazioni emerse, sappiamo che dovrebbe essere caratterizzato da un chip Snapdragon 430, 2 GB di RAM + 16 GB di storage nella sua variante base e 3 GB di RAM + 32 GB di spazio interno nella sua variante top. Il display dovrebbe essere un HD da 5,7 pollici in 16: 9.

Altre voci vedono questo presunto Moto G6 Play appartenere alla serie Android One di Motorola, e dunque destinato a mercati selezionati.