Profili fasulli InstagramI profili fasulli su Instagram rappresenterebbero ben l’8% degli utenti totali: a dirlo è un team di ricercatori tutto italiano che ha recentemente pubblicato i risultati del proprio studio sulle pagine del Wall Street Journal.

Su Instagram i profili fasulli sono quasi 1 su 10:

Sul finire del 2014 Instagram ha lanciato quella che è passata alla storia con il nome di “purga”: il social network controllato da Facebook rimosse milioni di account fake, provocando la disperazione di numerosi VIP che da un giorno all’altro videro decimato il proprio numero di followers (pensate, il “povero” Justin Bieber ne perdette ben 3 milioni e mezzo).

Profili fasulli Instagram

Tutta fatica sprecata stando ai risultati di uno studio realizzato da un Team italiano con a capo Andrea Stroppa: risulta infatti che almeno l’8% degli account su Instagram siano tutt’ora dei profili fasulli, e la loro creazione risulta sempre più curata.

Profili fasulli InstagramI profili fasulli, o “bot“, vengono creati ed acquistati con lo scopo di aumentare il numero dei propri follower, ed esiste un vero e proprio mercato nero a riguardo: è lo stesso Andrea Stroppa che rende noto il tariffario: 1.000 follower “normali” costano appena 10$, mentre il prezzo di profili particolari, che per esempio simulano utenti appassionati di musica o di videogames si aggira intorno ai 35$, per un giro d’affari stimato in circa 200 milioni di dollari.

Lo studio nei dettagli:

Profili fasulli Instagram

Nel corso dello studio, il team ha innanzitutto acquistato 20.000 profili fasulli da 10 siti diversi al prezzo di circa 100$ per poterne delineare un “identikit“, ovvero  poter stabilire alcuni parametri utili a poter identificare i profili fasulli in generale: è stato ad esempio rilevato che gli account fake pubblicano nella maggior parte dei casi da 0 a 6 contenuti, un numero molto più basso rispetto a quello degli utenti reali. Altra caratteristica dei bot è il rapporto anomalo tra seguaci ed utenti seguiti, che si attesta su 1 a 41, mentre la media, per quel che riguarda gli utenti  reali è prossima al rapporto di 1 a 1.

Profili fasulli Instagram

Questi dati sono poi stati confrontati con un campione di oltre 10 milioni di profili, ricavati principalmente tra i follower dei personaggi più noti, per verificare quanti di essi corrispondessero all’identikit delineato in precedenza; si è così arrivati alla conclusione che quasi un profilo su 10 (il 7,8% per l’esattezza) è costituito da bot.

 

Profili fasulli Instagram

 

Il fenomeno ha ovviamente parecchie implicazioni, specie per quel che riguarda l’aspetto pubblicitario del social network, e la creazione di bot si è nel tempo affinata a tal punto che risulta oggi quasi impossibile smascherare i profili fasulli: essi presentano infatti un nome verosimile, avatar e informazioni biografiche, e per non dare nell’occhio pubblicano talvolta dei contenuti (ovviamente in modo automatico).

rp_No-Instagram.jpg

Ai circa 24 Milioni di probabili profili fasulli si sommano poi tutti quelli inattivi, che pur essendo registrati ad Instagram non hanno pubblicato più di una foto, e che secondo il team italiano rappresentano quasi il 20% del totale.