OpenAI valutata 29 miliardi

OpenAI, l’associazione che si occupa di intelligenza artificiale che ha sviluppato il chatbot ormai diventato virale, ChatGPT e il generatore di immagini Dall-E, è in trattative per vendere azioni in un’offerta pubblica di acquisto che valuta la società a circa 29 miliardi di dollari, ha riferito il Wall Street Journal, citando persone che hanno familiarità con la questione.

Le società di venture capital Thrive Capital e Founders Fund stanno discutendo per investire nell’accordo, che includerebbe la vendita di almeno 300 milioni di dollari di azioni da investitori esistenti come dipendenti, ha affermato il Journal. La transazione raddoppierebbe quasi la valutazione della società rispetto a un’offerta pubblica di acquisto nel 2021 e la renderebbe una delle startup statunitensi più preziose sulla carta nonostante abbia poche entrate, afferma il giornale.

Ecco come guadagnare

I sostenitori esistenti di OpenAI includono Microsoft, che ha investito 1 miliardo di dollari nell’organizzazione. Il mese scorso, Reuters ha riferito che OpenAI prevedeva entrate per 200 milioni quest’anno e 1 miliardo all’anno entro il 2024, ed e recentemente è stata valutata 20 miliardi.

La società, co-fondata da Elon Musk e dall’investitore della Silicon Valley Sam Altman, guadagna facendo pagare agli sviluppatori la licenza della sua tecnologia. Microsoft, ad esempio, si sta preparando ad aggiungere ChatGPT al suo motore di ricerca Bing, ha detto una persona che ha familiarità con la questione all’inizio di questa settimana, nel tentativo di attirare gli utenti dal rivale Google offrendo risposte più conversazionali alle domande.

Bisognerà vedere in futuro se altre società si aggiungeranno alla lista o preferiranno prendere spunto da altre parti.

FONTEbnnbloomberg
Articolo precedenteQuando l’intelligenza artificiale è in grado di prevedere il futuro, ecco l’intervista con il robot umanoide Sophia
Articolo successivoMachine Learning usato male, Twitter sta bannando account scientifici a causa di “contenuti intimi”
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it