FTX dichiara bancarottaInizia il processo a FTX, una delle principali aziende di exchange di criptovalute accusata di frode, o meglio il processo al CEO Sam Bankman-Fried, dopo le condanne a due top manager con pene che oscillano tra 50 e 110 anni di reclusione. A sorpresa, tuttavia, questi si è dichiarato non colpevole.

Sulla base di un articolo pubblicato in questi giorni dal NYT, infatti, Bankman-Fried sarebbe comparso il 3 gennaio in un’aula di tribunale presso lo Stato di New York, nel corso della quale udienza si sarebbe dichiarato non colpevole. Ricordiamo che il CEO era stato estradato a Dicembre della Bahamas, e che tutt’oggi è libero su cauzione, in seguito all’arresto, con il pagamento di ben 250 milioni di dollari.

Approfittate delle migliori offerte Amazon, e ricevete i coupon gratis, solo con il nostro canale Telegram ufficiale.

 

FTX, dopo lo scandalo il processo

L’accusa di cui dovrà effettivamente rispondere è davvero importante, più precisamente dovrà rispondere di due cause intentate rispettivamente dalla SEC (Securities Exchange Commission) e dal Dipartimento di Giustizia con 8 capi di imputazione, tra cui troviamo appunto riciclaggio e frode.

Secondo le accuse, infatti, Bankman-Fried avrebbe creato uno schema multi-livello spalmato in più anni, nel corso del quale sarebbe stato in grado di riciclare il denaro dei clienti di FXT e degli stessi investitori, spostandoli su Alameda Research, una società sempre di proprietà, mediante l’utilizzo di hedge fund in criptovalute.

Il fatto più grave rientrerebbe più che altro nella frode ai clienti FXT, infatti avrebbe rubato almeno due miliardi di dollari, agli stessi, sebbene lo stesso Bankman-Fried si sarebbe sempre dichiarato innocente, sostenendo di non aver “mai commesso alcuna frode”.

VIAEngadget
Articolo precedenteQuanto tempo ci mette una fabbrica a produrre un auto? Ecco cosa abbiamo scoperto
Articolo successivoEuronics è folle, sconti al 70% su iPhone e Samsung solo oggi contro Expert
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.