illusione ottica

L’illusione ottica di oggi è ispirata al lavoro di uno scienziato davvero molto importante. Nell’immagine che trovate in calce alla notizia, l’obiettivo è quello di individuare nel minor tempo possibile l’uomo arrabbiato. A quanto pare, solamente l’1% di coloro che guardano l’immagine ci riescono subito.

La rappresentazione che vediamo è chiamata solitamente dagli addetti ai lavori come “illusione ambigua”. La suddetta è stata ideata per la prima volta in assoluto dallo psicologo Edwin Boring, come ad esempio l’illusione della donna e dell’anziana, e venne pubblicata in origine sul The American Journal of Psychology nel 1930.

 

 

Illusione ottica di Edwing Boring, è una delle più difficili

Nel 1922, lo psicologo Edwin Boring entrò a far parte della Facoltà dell’Università di Harvard, prestando servizio come Direttore del Laboratorio di psicologia dal 1924 al 1949 prima di ritirarsi nel 1956.

Diversi sono stati i suoi successi, infatti Boring è stato presidente dell’American Psychological Association (APA) nel 1928; è stato eletto alla National Academy of Sciences nel 1932 ed ha avuto la nomina nel 2002 come uno dei 100 più eminenti psicologi del 20° secolo dall’APA.

Dall’immagine la prima cosa che si evince è un uomo apparentemente triste. Tuttavia, se guardiamo meglio l’immagine, è possibile denotare invece un uomo arrabbiato. Non è facile individuarlo, ma l’indizio che vi possiamo dare in questo caso è il seguente: immaginate l’orecchio come se fosse l’occhio.

Se lo avete trovato in pochi secondi, allora fate parte di quell’1%; altrimenti non temete: resta comunque un rompicapo davvero difficile da risolvere! Nel frattempo, potete cimentarvi anche in altri interessanti illusioni ottiche e rompicapi che abbiamo pubblicato di recente in altri articoli.

Articolo precedenteProdotti ritirati, la notizia che ha stravolto gli amanti del caffè arabica
Articolo successivoSmartphone: malware ingannevoli diffusi in Italia, ecco le app infette
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.