WhatsApp, ci sono due trucchi segreti che vi faranno spiare ed essere invisibiliWhatsApp è alla continua ricerca di aggiornamenti e funzioni che le possano permette di di ridurre al massimo il gap venutosi a creare nei confronti di Telegram, l’altra grande applicazione di messaggistica istantanea, universalmente riconosciuta come la rivale da battere.

Gli ultimi update portano grandissime novità per l’utilizzatore finale, in primis ricordiamo la possibilità di auto-inviarsi i messaggi, funzione che a prima vista potrebbe apparire quasi superflua, ma che allo stesso tempo nasconde al proprio interno una utilità ben superiore, senza però dimenticarsi di cosa si cela all’ombra delle chiamate e delle videochiamate.

Premete qui e collegatevi subito al nostro canale Telegram, avrete le offerte Amazon con i codici sconto per risparmiare sui regali di Natale.

 

WhatsApp: aggiornamenti imperdibili per le chiamate

Tutti i miglioramenti riguardano, per la maggior parte, le chiamate e le videochiamate, in primis infatti sarà possibile creare una conversazione vocale di gruppo fino ad un massimo di 32 persone (cresciuto di 4 volte rispetto al passato), permettendo di inviare messaggi personali ad ogni partecipante nel corso della chiamata, oppure di silenziarli, l’accesso alla conversazione sarà poi possibile mediante l’invio di un link di partecipazione.

Cambiano, e di molto, anche i design delle interfacce, con l’introduzione, nel corso del 2023, anche della modalità PiP, ma solo su sistema operativo iOS di Apple. Questa permette di rimpicciolire la finestra della videochiamata, permettendo all’utente di svolgere altre operazioni con lo smartphone, mentre viene mantenuta attiva la chiamata stessa.

Grandi novità ci attendono direttamente nel 2023 su WhatsApp, riuscirà l’applicazione di messaggistica istantanea di Facebook a raggiungere il livello di Telegram?

Articolo precedenteAndroid gratis sul Play Store con 10 titoli a pagamento, ecco la lista
Articolo successivoAndroid, esiste un’app per alzare il volume oltre il limite del tuo dispositivo
Denis Dosi
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.