Creality CrScan Lizard

Con il passare del tempo il mondo delle stampe 3D è diventato molto più attuale di quello che si credeva, soprattutto in alcuni settori. Per le creazioni tridimensionali però il processo perfetto è quello della scansione 3D, la quale può essere effettuata mediante alcuni scanner. Oggi si parla del Creality CrScan Lizard, un piccolo scanner 3D che funziona in maniera davvero molto interessante che, essendo economico, non fornisce proprio il massimo della qualità ma vale certamente molto in termini di caratteristiche. Il confronto con il suo predecessore, il CrScan 01, sembra infatti essere stato vinto senza problemi, il tutto grazie all’esperienza che abbiamo avuto modo di provare.

Creality CrScan Lizard: unboxing e qualche specifica

Confezione davvero carina anche se non di qualità. Al suo interno ecco la chiavetta con il software e le istruzioni, con lo scanner che può essere usato sia con il tavolino rotante che in mano. Presente anche il cavo colorato di bianco proprio come il CrScan 01.

Ecco poi il corpo del laser che presenta una fotocamera stereoscopica, luce a infrarossi e dimensioni molto ridotte con una precisione, a detta dell’azienda pari a 0.05mm. Da precisare che l’uso di fonti di luce invisibile appartenente all’infrarosso risulta sicura al 100% per gli occhi ed è pienamente compatibile con la luce. Il grande vantaggio di questo scanner è quello di poter avere oltre all’alta precisione appena citata, anche la possibilità di cattura del soggetto senza utilizzare marcatori in un primo momento. Questo aumenterà la velocità dell’acquisizione della scansione stessa. La distanza dei punti 3D parte da 0,1 mm fino a 0,2 mm, con la dimensione minima di scansione del soggetto scansionato che può arrivare a 15 mm.

Il cavo va inserito a pressione mentre dall’altro lato va l’alimentazione e la USB che parte dall’alimentatore che forse sarebbe stato più bello in bianco. Presente la presa italiana nello scatolo ma manca la shuko. In confezione c’è anche il piccolo treppiede non brandizzato dal marchio. Consente di piazzarci su il CR Scan per scansionare molto meglio gli oggetti.

Nella chiavetta c’è un archivio zip da estrarre e copiare su un disco veloce, visto che c’è bisogno di una buona CPU e almeno 8GB di RAM per far funzionare bene questo scanner.

 

CrScan Lizard 3D: la modalità di scannerizzazione sfruttando il programma sulla chiavetta

Una volta copiato sul computer il file, aprirete il programma e sceglierete tra le due modalità, quella da tavolo e quella con lo scanner in mano. Per fare dunque un oggetto grande, bisognerà tenerlo in mano e girarci intorno con il laser, mentre con un oggetto più piccolo, sarà possibile sfruttare il tavolino rotante, cosa molto più facile visto che l’oggetto da scansionare risulterà molto più semplice, visto che non ci saranno sobbalzi. Da precisare che è presente anche la modalità di scansione multimodale, la quale consente di scansionare un oggetto manualmente servendosi poi anche del tavolo girevole.

Per essere precisi bisogna utilizzare lo scanner leggermente dall’alto rispetto al soggetto con un’inclinazione di circa 45°. In seguito sarà importante non allontanarsi mai più di 10-15 centimetri e non avvicinarsi più di questa stessa misura, altrimenti perderà il fuoco e non scannerizzerà. All’interno del programma scaricato sul computer mediante la chiavetta, sarà possibile scegliere su cosa focalizzarsi durante la scannerizzazione dell’oggetto. Ad esempio potrete scegliere, grazie ai parametri, se focalizzarvi di più sulla sagoma, scegliendo la modalità “Geometria”, o magari sulla texture, come i vari colori di un oggetto piuttosto che le trame di quest’ultimo. In quest’ultimo caso sceglierete la modalità detta proprio “Texture“.

Bisogna poi impostare la luminosità e il frame rate, da impostare secondo la nostra esperienza al massimo quindi su “High“. Durante la fase iniziale bisogna togliere il soggetto per mostrare allo scanner il piatto, che verrà riconosciuto sullo schermo come rosso. Una volta terminato, rimettere l’oggetto e premere “Scan” sfruttando possibilità come l’auto-allineamento multiposizionale, rimozione automatica del rumore, modellamento automatico della topologia semplificata, riempimento automatico dei fori e mappatura automatica.

Dopo un giro completo comincerà a venire fuori il modello 3D; se dovesse venire fuori qualche pezzo mancante, bisognerà premere sul tasto sulla sinistra “Append“, in modo scannerizzare l’oggetto in un’altra posizione sul piatto. Una volta finite le scansioni dell’oggetto, basta cliccare su “Process” per unirle tutte insieme. Nel caso in cui dovesse venire fuori un lavoro alla rinfusa con le scansioni sovrapposte male, sarà possibile utilizzare l’allineamento manuale. In questa soluzione potrete impostare dei marcatori, in modo da dare lo stesso punto di riferimento sulle varie scansioni, le quali poi andranno ad unirsi proprio su quei punti non sbagliando la sovrapposizione.

Conclusioni

Questo CrScan Lizard ci porta a tante riflessioni. Innanzitutto il software risulta acerbo ma Creality sta lavorando per aggiornarlo e renderlo sempre più performante e congeniale alle esigenze dell’utente medio. Quello che abbiamo notato in fase di recensione è che il software potrebbe essere nettamente migliorato viste le potenzialità dello scanner. Da ricordare che è finalmente possibile acquisire oggetti lucidi o bianchi o neri, visto che lo scanner ora è in grado di identificare le parti riflettenti.

Lo scanner è acquistabile sullo store Geekbuying cliccando su questo link

E sicuramente un prodotto validissimo, e che ci sentiamo di consigliare totalmente. Il prezzo di partenza è sicuramente elevato (510 €), ma giustificato viste le potenzialità. Inoltre sfruttando il nostro codice di sconto NNNCREALITYCR valido fino al 31 dicembre 2022, avrete la possibilità di acquistarlo a soli 479 € 

CR-Scan Lizard 3D

479 €
8.2

Design

9.0/10

Materiali

9.0/10

Velocità di scansione

7.5/10

Qualità di scansione

7.5/10

Prezzo

8.0/10

Pro

  • Prezzo
  • Qualità

Contro

  • La scansione dei bianchi
Articolo precedenteRealme GT Neo 3T, iniziano i test su Android 13
Articolo successivoiQOO 11 e 11 Pro, rivelati design e specifiche tecniche