Un gruppo di scienziati ha costruito un laser atomico che può rimanere acceso per sempre, rendendo evidente il potenziale di questa tecnologia di prossima generazione per l’uso in applicazioni commerciali.

Un team di ricercatori dell’Università di Amsterdam ha risolto il problema alla base che esiste da almeno trent’anni. A differenza dei normali laser ottici, i laser atomici sono creati da qualcosa noto come condensato di atomi di Bose-Einstein (BEC) che emette fasci di materia. Richiedono molta energia per essere mantenuti e temperature super fredde. Ciò significa che fino ad ora è stato possibile farli funzionare solo per un breve periodo.

“Negli esperimenti precedenti, il raffreddamento graduale degli atomi è stato eseguito tutto in un unico posto”, spiega il professor Florian Schreck, a capo della ricerca. “Nella nostra configurazione, abbiamo deciso di distribuire le fasi di raffreddamento non nel tempo, ma nello spazio. Facciamo muovere gli atomi mentre avanzano attraverso fasi di raffreddamento consecutive. Alla fine, gli atomi ultra freddi possono essere finalmente usati per formare onde di materia coerente in un BEC.

Nuove scoperte che tracciano un confine tra laser atomici e i più noti laser ottici

“Mentre questi atomi vengono utilizzati, nuovi atomi sono già in procinto di ricostituire il BEC. In questo modo, possiamo continuare questo processo, essenzialmente per sempre“. La portata delle possibili applicazioni di un laser ottico era sconosciuta quando fu inventato negli anni ’50 e lo stesso potrebbe valere per i laser atomici.

Alcuni scienziati sperano che questi laser scateneranno una rivoluzione simile nell’ottica atomica, negli orologi di precisione e in altre misurazioni degli standard fondamentali. Un esempio potrebbero essere le immagini olografiche ad altissima risoluzione che renderebbero la realtà aumentata o virtuale indistinguibile dalla nostra realtà. Avendo risolto il problema della creazione di un laser ad atomi continui, i ricercatori ora intendono utilizzarlo per creare un raggio di materia in uscita e stabile che eliminerebbe qualsiasi barriera alle applicazioni tecniche.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.