Pirateria addio: le IPTV crollano dopo la scoperta della Guardia di Finanza

La pausa della stagione calcistica non coincide con un calo di popolarità per la tecnologia dello streaming IPTV. Nel corso della stagione estiva, tanti italiani continueranno ad attivare il cosiddetto pezzotto, considerata la ricca proposta in termini di serie tv e film in esclusiva.

 

IPTV, altissimi i rischi per la visione gratis del calcio

Le dinamiche dello streaming illegale garantiscono agli italiani di accedere a Netflix, Disney+ così come a Sky, DAZN e Amazon Prime Video senza regolari abbonamenti, con possibilità di risparmio che raggiungono il 90% su scala annua.

Le sanzioni per gli utenti che scelgono l’IPTV non mancano anche in estate. Coloro che si affidano a questa tecnologia possono ottenere una multa sino ad un massimo di 30mila euro. Per i casi di recidiva è inoltre predisposta anche la reclusione sino a tre anni per i casi di recidiva.

Coloro che si affidano all’IPTV devono anche tenere conto delle possibili truffe. Su WhatsApp e su Telegram proliferano le conversazioni ed i gruppi degli hacker in cui si promuovono finti canali IPTV con prezzi più che concorrenziali. Dopo aver pagato quote annuali di abbonamento, però, gli utenti non ricevono alcun servizio in cambio.

Il pezzotto e il sistema IPTV dello lo streaming irregolare spesso sono legati anche ai canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

GennaroS
Giornalista pubblicista dal 2014, collaboratore di TecnoAndroid dal 2016. Le mie passioni nel tempo libero: l'Inter, Napoli, Roger Federer, Game Of Thrones, tutto ciò che è buona musica, viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare.