sandalo norvegia

Potrebbe essere un’affermazione controversa, ma nonostante il caos che il riscaldamento globale e il cambiamento climatico stanno provocando sulla copertura ghiacciata del mondo, c’è una comunità di persone che ne traggono vantaggio: gli storici.

Il gruppo archeologico norvegese Secrets of the Ice, impegnato al lavoro sulle montagne della Norvegia per salvare manufatti e reperti archeologici rivelati dallo scioglimento dei ghiacciai e dalle chiazze di ghiaccio, ha aggiunto un’altra scoperta al loro gattino in continua crescita: un paio di sandali di epoca romana sepolto nella neve nel mezzo di un pericoloso passo di montagna, riferisce Arkeonews.

Gli archeologi glaciali, sotto la guida di Espen Finstad, ci lavorano da 15 anni, rendendosi conto dell’immenso potenziale della combinazione dello scioglimento del ghiaccio e della conservazione degli oggetti nella neve presenti insieme.

Nelle montagne dello Jotunheim in Norvegia si trova la zona di ghiaccio di Lendbreen, 322 chilometri a nord-ovest di Oslo, un tempo passaggio vitale per il traffico dell’era vichinga, molto prima dell’era delle strade. Il passo fu ampiamente utilizzato dai Vichinghi e dai viaggiatori medievali, tra il 300 e il 1500 d.C.

Anche la sua altezza non è uno scherzo: oltre 2.000 metri. Dal 2011, l’anno del “grande scioglimento” quando è stato scoperto il famoso passo nascosto, Lendbreen è stato un tesoro storico, ha portato a galla molti reperti, tra cui centinaia di uomini preistorici, un portacandele di cera d’api, uno sci di 1.300 anni, un ferro di cavallo, una tunica di epoca altomedievale e un insediamento vichingo perduto. L’insediamento raggiunse l’apice con l’ondata del traffico più storico nel passo tra il 750 e il 1150 d.C.

Dei reperti che vanno preservati a tutti i costi

Il conservatore archeologico Vegard Vike ha studiato la scarpa che ora è conservata nel Museo di Storia Culturale di Oslo, quindi ha fornito una ricostruzione (nella foto sopra), prima che fosse rimodellata in preparazione per la liofilizzazione.

L’importanza di questi incredibili reperti non può essere sottovalutata, soprattutto perché contemporaneamente l’intero paesaggio appare come un vasto deserto, senza tracce di esseri umani. Aiutano anche a collegare i pezzi mancanti di un puzzle, rivelando la vera natura di questi passi di montagna, la loro abitazione e il numero di persone che li visitano o li utilizzano.

VIArecentzone.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it