Twitter e YouTube, così come tante altre piattaforme, sono da tempo i pilastri di Internet, dove centinaia di milioni di utenti trascorrono il loro tempo ogni giorno. In particolare, le due piattaforme citate hanno qualcos’altro in comune: i problemi di privacy e altre controversie rilevate nell’ultimo decennio. L’Unione Europea prevede di dare il proprio contributo creando nuovi social media.

Il Garante europeo della protezione dei dati sta lanciando due servizi: EU Voice e EU Video. Entrambi i servizi si basano sullo standard dei social media open source di ActivityPub. Quindi, non è esattamente come se i leader mondiali dell’UE stiano codificando direttamente un nuovo social network. Al contrario, si uniscono a Mastodon e PeerTube. Nonostante l’annuncio recente del GEPD, questa iniziativa è in lavorazione almeno da febbraio.

Unione Europea: il suo contributo al mondo del social media con nuove piattaforme

L’UE si è scontrata con le aziende tecnologiche statunitensi negli ultimi dieci anni. Il passaggio a piattaforme di social media federate riduce la sua dipendenza digitale dalle aziende americane per avere una presenza online più netta. Inoltre, sarebbe più in linea con i valori dell’UE per la protezione dei dati degli utenti.

È impossibile dire se ciò influenzerà effettivamente la scena dei social media in Europa, ma date le dimensioni di Twitter e YouTube da un lato e Mastodon e PeerTube dall’altro, non è così probabile. Inoltre, poiché le istituzioni dell’UE che partecipano a questo programma pilota continuano ad avere account su YouTube e Twitter, non stanno esattamente incoraggiando nessuno a cambiare piattaforma.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.