Elon Musk è diventata la persona più ricca del mondo, una delle figure più polarizzanti del mondo degli affari grazie allo sbalorditivo successo commerciale di Tesla e alla genialità ingegneristica di SpaceX. Adesso si aggiunge anche Twitter alla lista.

Con la sua offerta da 44 miliardi di dollari per acquistare Twitter, accettata dal consiglio di amministrazione della piattaforma dei social media, Musk presumibilmente diventerà CEO di un’azienda per la terza volta. Con il sostegno unanime del consiglio di amministrazione di Twitter per la sua offerta in contanti di 54,20 dollari per azione, l’acquisizione di Musk dovrebbe incontrare poca resistenza.

Gli azionisti riceveranno un’offerta pubblica di acquisto nelle prossime settimane e, se la maggioranza sarà d’accordo, l’accordo sarà concluso. È probabile che le autorità antitrust federali daranno un’occhiata all’accordo ma è improbabile che decidano di bloccarlo.

Twitter e Musk dovranno sottoporre l’accordo alla revisione del Dipartimento di Giustizia e della Federal Trade Commission. Il governo di solito viene coinvolto solo quando una società acquista un’azienda concorrente, e non è questo il caso. Tuttavia, l’impatto dell’accordo proposto sul prezzo delle azioni di Tesla e Twitter è stato esaminato da esperti di mercato. A partire da giovedì pomeriggio, il prezzo delle azioni Tesla negli ultimi cinque giorni è sceso di oltre il 13%. Mentre il prezzo delle azioni Twitter sono aumentate del 3,14% nello stesso periodo, è ancora ben al di sotto dell’offerta di Musk di 54,20 dollari per azione.

Elon Musk pronto ad acquistare Twitter per 44 miliardi, ma ad alcune condizioni

Il sito web MarketWatch dichiara “che i mercati vedono il rischio che l’accordo da 44 miliardi di dollari, in realtà, potrebbe non accadere”. Secondo un deposito della SEC sulla transazione, Musk dovrà pagare a Twitter 1 miliardo di dollari se si tira indietro dall’accordo. La società gli dovrà a sua volta la stessa commissione in determinate circostanze. Come parte dell’accordo, Musk ha anche accettato una clausola che specifica che non denigrerà Twitter, che pare abbia già infranto.

Nei giorni successivi all’annuncio della sua acquisizione, Musk ha risposto direttamente ai tweet che criticavano i dirigenti di Twitter, come il chief legal officer Vijaya Gadde e l’avvocato Jim Baker. L’ex CEO di Twitter Dick Costolo ha risposto direttamente a uno dei tweet di Musk, accusandolo pubblicamente di abusare della signora Gadde. E ha aggiunto: “Il bullismo non è leadership“.

Poi c’è la questione di Twitter e dell’Unione Europea, che ha appena approvato il nuovo Digital Services Act. Musk ha affermato che sta acquistando Twitter per renderlo un pilastro della “libertà di parola“, potrebbe significare il ritorno di figure di destra bannate come Donald Trump e Marjorie Taylor Greene. Sotto il DSA, le grandi piattaforme online come Twitter, Google e Meta, dovranno affrontare pesanti sanzioni finanziarie se non controllano i contenuti.

Il capo dei mercati interni dell’UE, Thierry Breton, è persino andato su Twitter per avvertire Musk che se acquisterà la piattaforma, dovrà anche seguire le regole. “Che si tratti di auto o social media, qualsiasi azienda operante in Europa deve rispettare le nostre regole, indipendentemente dalla loro partecipazione. Musk lo sa bene”, ha twittato. “Ha familiarità con le norme europee e si adatterà rapidamente al Digital Services Act”.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.