asteroide-potenzialmente-pericoloso-vicino-alla-Terra

Non è la prima volta che un corpo celeste passa molto vicino al nostro pianeta e a quanto pare potrebbe accadere molto presto. Secondo quanto è emerso, infatti, un nuovo asteroide definito dalla NASA potenzialmente pericoloso sfiorare la Terra fra pochissimi giorni.

 

Un nuovo asteroide potenzialmente pericoloso sfiorerà la Terra il 4 marzo

Il prossimo 4 marzo 2022 un corpo celeste passerà vicinissimo alla Terra. Nello specifico, si tratterà di un asteroide noto come 2001 CB21. Quest’ultimo ha un diametro pari a circa 1 chilometro e, secondo quanto è emerso, passerà a una distanza di circa 5 milioni di chilometri dal nostro pianeta.

Tutto questo potrebbe ovviamente farci spaventare ma, a quanto pare, non sarà necessario. La NASA ha infatti definito questo corpo celeste “potenzialmente pericoloso”, ma non tanto da poter rischiare effettivamente un impatto con la Terra.

Per il momento sembra dunque che possiamo stare tranquilli. Tuttavia, per il 2023 (più nello specifico a luglio) è previsto l’avvicinamento di un altro asteroide noto come 2022 AE1. Inizialmente gli studi effettuati avevano suggerito un rischio piuttosto elevato di collisione di questo corpo celeste con il nostro pianeta. Fortunatamente, secondo quanto è stato riportato dal Near-Earth Object Coordination Center dell’Agenzia Spaziale Europea (NEOCC), la possibilità che questo accada si è ridotta quasi a zero.

Marco Micheli, un astronomo del NEOCC dell’ESA, ha infatti così dichiarato: “A gennaio siamo venuti a conoscenza di un asteroide con il punteggio più alto sulla scala di Palermo che abbiamo visto in più di un decennio. Nei miei quasi dieci anni all’ESA non ho mai visto un oggetto così rischioso. È stato emozionante tracciare 2022 AE1 e perfezionarne la traiettoria fino a quando non abbiamo avuto abbastanza dati per dire con certezza che questo asteroide non colpirà”.

Anna Lisa Ferilli
Grande appassionata di smartphone e tecnologia, attualmente sono editor presso www.tecnoandroid.it. Sono inoltre iscritta presso Università del Salento per conseguire la laurea magistrale in Lingue moderne, letterature e traduzione.