luce e gas aumenti

Le famiglie di tutta Europa dovranno affrontare bollette energetiche invernali molto più elevate a causa di un aumento globale dei prezzi all’ingrosso dell’elettricità e del gas. I gruppi di consumatori hanno avvertito che i più vulnerabili nella regione potrebbero essere colpiti da mancanze di corrente energetica.

Le compagnie energetiche pagano un prezzo all’ingrosso per acquistare gas ed elettricità, che poi vendono ai consumatori. Come in qualsiasi mercato, questo può aumentare o diminuire, e questo costo e’ guidato dalla domanda e dall’offerta.

I prezzi in genere aumentano in risposta a una maggiore domanda per il riscaldamento e alle persone che accendono le luci prima in inverno, mentre quelli nel periodo estivo sono generalmente più bassi.

Ma i prezzi sono saliti alle stelle a causa delle scarse scorte di gas, degli alti prezzi del carbonio nell’Unione europea, delle basse consegne di navi cisterna di gas naturale liquefatto a causa della maggiore domanda dall’Asia, delle forniture di gas dalla Russia cge sono meno del solito, della bassa produzione di energie rinnovabili e delle interruzioni delle infrastrutture.

I prezzi di riferimento del gas europeo presso l’hub olandese TTF sono aumentati di oltre il 400% da gennaio, mentre i contratti energetici di riferimento tedeschi e francesi sono più che raddoppiati.

La stagione del riscaldamento invernale in Europa inizia tipicamente ad ottobre e non si prevede che i prezzi all’ingrosso diminuiscano in modo significativo durante il resto dell’anno, nonostante le promesse di alcuni fornitori.

Un aiuto dalla Russia

La Russia, il più grande fornitore di gas in Europa, ha dichiarato questa settimana che la certificazione del gasdotto sottomarino Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania, che aspetta l’autorizzazione da parte della Germania, potrebbe raffreddare l’impennata dei prezzi del gas in Europa.

Il regolatore, che ha dichiarato a settembre di avere quattro mesi per completare la certificazione, ha affermato di non poter escludere che le operazioni di Nord Stream 2 possano iniziare presto, aggiungendo che tutti i requisiti tecnici sono stati soddisfatti.

Ma la capacità di Gazprom di fornire più volumi all’Europa potrebbe essere limitata quest’inverno, poiché sta ancora riempiendo i propri depositi di gas.

Il mese scorso, il norvegese Equninor, il secondo fornitore europeo, ha dichiarato che aumenterà le esportazioni di gas naturale verso l’Europa. La Norvegia fornisce poco meno di un terzo del gas britannico.